Camini

Testo e disegno di Marvit Basile

Uniscono ai valori dell'estetica quelli della durata.
Rivoluzionano il vecchio sistema di posa in opera dei manufatti: sarà sufficiente posizionare e fissare il faldale, bloccare la parte mobile sulla parte fissa con 4 viti, verificando il piombo. Non è necessario nessun ulteriore intervento. Tale brevetto si basa su un semplice sistema di regolazione che consente di applicare i comignoli su tetti con pendenze che variano dal 5 al 93%; è composto da due elementi principali, il comignolo ruota intorno ad una sfera, la parte fissa, che permette a quella mobile di adattarsi al variare delle pendenze sino ad una escursione di un 87%. Proprio grazie alla rotazione sferica, la messa a piombo può avvenire anche per tetti a doppia inclinazione.

Il faldale sostituisce una coppia di tegole, ad esclusione della canadese, ed è collegato alla struttura del tetto tramite viti e squadrette specifiche. Nel caso la canna fumaria non si trovasse in asse col faldale si può utilizzare un tubo flessibile per il collegamento. La canna è protetta dalla sfera stessa. La condensa che corre lungo la parete del torrino esce da interstizi verso l'esterno.

Questi comignoli in rame, hanno la sezione del tronco maggiore a quella dell'interno della canna fumaria: questa differenza, per i principio di Venturi, crea una depressione che facilita l'uscita dei fumi.

Rispettano la normativa UNI 7126:
Sezione uscita fumi di valore doppio della sezione di passaggio
Deflettori a protezione dell'uscita fumi in presenza di acqua, vento e neve
Quote di sbocco al di fuori della zona di reflusso, grazie alla flessibilità delle altezze di serie. A richiesta, sono possibili anche altezze superiori.

La gamma comprende quattro dimensioni e altezze differenti.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCanali di gronda e pluviali
Articolo successivoCaratteristiche generali