Confort e risparmio energetico

I vantaggi legati al trasporto di luce naturale unita all'integrazione con quella artificiale sono anche quantificabili in termini di risparmio energetico, inteso sia in maniera diretta che indiretta. In maniera diretta tali sistemi producono una riduzione dei consumi elettrici legati alla minore necessità di corpi illuminanti, con un conseguente risparmio energetico anche per quanto riguarda il condizionamento estivo, grazie alla riduzione degli apporti di calore; e in maniera indiretta attraverso la possibilità di utilizzare spazi interrati o parzialmente interrati che, offrendo una elevata resistenza alla trasmissione di calore, risultano vantaggiosi da un punto di vista energetico. Quando non è sufficiente una sorgente di luce naturale la combinazione e il controllo tra questo tipo di sorgente e la luce artificiale, nella fattispecie negli edifici non residenziali di fatto riduce notevolmente il consumo di energia. Ma non solo. La combinazione delle due sorgenti si rivela anche un interessante mezzo per favorire comfort e benessere.
Il nostro organismo è regolato per mezzo della luce, in quanto esso risente della variazione dell'intensità della luce e della lunghezza del periodo di esposizione, determinata dal ciclo notte-giorno (ritmo circadiano). Il rispetto dei ritmi circadiani garantisce un senso di maggior benessere.

CONDIVIDI
Articolo precedenteGli apparecchi di illuminazione
Articolo successivoLuce biologica