concorso – L'associazione Proto Design con la collaborazione scientifica della Fondazione Ordine Architetti di Torino, ha indetto un concorso internazionale dedicato a progetti di design eco-democratico.

Il prossimo appuntamento con la Biennale Democratica che si terrà ad Aprile a Torino, vedrà l'affermarsi del tema architettonico e del design, intesi come portatori di cambiamenti radicali della società e di nuovi stili di vita. La Fondazione OAT - Ordine degli Architetti di Torino - dopo aver presentato nel 2009 l'evento "Trasmettere la Città Sostenibile" e aver visto la partecipazione di molti giovani progettisti e cittadini nella riflessione sul rapporto tra città-democrazia, propone un nuovo approccio al concetto di design: uno sviluppo "eco-democratico". Possono il processo di realizzazione di un oggetto e la consapevolezza del suo uso contribuire alla diffusione di una cultura amica dell'ambiente e a beneficio di tutti? Al quesito dovranno rispondere i designer che parteciperanno al concorso internazionale "Con.fine design"; progetti ispirati a principi legati all'ambiente, ai materiali, ai processi costruttivi locali, ad un idea di condivisione dei beni e incentivino le relazioni sociali.

Nel programma di incontri legati al tema dell'architettura, la Fondazione OAT ospiterà l'architetto olandese Rem Koolhaas nell'ambito dell'incontro "architettura per molti e architettura per pochi".

"Il concorso, bandito dall'associazione Proto Design con la collaborazione scientifica della Fondazione OAT, insieme all'evento pubblico in Biennale Democrazia diventa così una nuova occasione per dibattere pubblicamente sul futuro del design come strumento di sensibilizzazione verso produzioni e consumi eco-compatibili, approccio che la Fondazione OAT ritiene allo stesso tempo innovativo e strategico per connotare un modo di “fare design”.

Termine per la consegna: entro le ore 12:00 di lunedì 7 marzo 2011
Premio: 3.000,00 euro

Il bando è scaricabile sul sito internet www.confinedesign.it.

CONDIVIDI
Articolo precedenteArchitetture per i litorali
Articolo successivoExperience Spaces