Elettrodomestici digitali

Testo di Serena Groppo

La casa diventa digitale e la tecnologia si semplifica per essere alla portata di tutti. La novità principale è l'home assistant, un touch screen, senza tastiera, basta toccare lo schermo.
Ci avviserà quando il frigorifero è vuoto e scriverà sul nostro palm pilot la lista di quello che manca. E quando un elettrodomestico avrà qualche problema, il maggiordomo virtuale provvederà direttamente ad avvisare il centro di assistenza più vicino.
Le grandi aziende si stanno preparando, mettendo in vendita elettrodomestici digitali in grado di dialogare tra loro anche attraverso la linea elettrica, senza l'ausilio di un computer.
E' la rivoluzione di John Gage, l'americano che ha ideato il software Jini, che permette la connessione di tutti gli elettrodomestici, dal tostapane alla caldaia del gas.
L'obiettivo finale è di ottenere prodotti competitivi grazie alle capacità di risparmiare energia e di rispettare l'ambiente. Le nuove lavatrici consumano fino al 56 per cento di corrente in meno e risparmiano il 50 per cento di acqua. Hanno sensori che, in base al peso e al grado di sporco del bucato, riducano anche il consumo dei detersivi.

Le principali aziende di elettrodomestici si stanno trasformando in e-company, attivandosi per creare fabbrice digitali, prodotti digitali, contacts center multimediali e nuove piattaforme internet che permettono di stabilire un collegamento utente - elettrodomestico - produttore.
Una nuova generazione di elettrodomestici che, integrando la tecnologia digitale Wr@p (Web Ready Appliances Protocol), sono in grado di comunicare tra loro e verso le reti di telecomunicazioni.
Un sistema di teleassistenza permette di ottimizzare i consumi, segnalare eventuali disfunzioni degli apparecchi e controllarne il funzionamento. La tecnologia permette anche di ridurre drasticamente i consumi: i nuovi prodotti fanno risparmiare il 20% del tempo e il 30% di energia.

Contatto radio per la cappa
Tra le aziende europee che hanno connesso gli elettrodomestici, permettendo di controllarli con il PC, c'è la tedesca Siemens che produce lavatrici che in base al peso del bucato regolano i consumi, le cappe aspiranti invece "dialogano"; la cucina comunica, via radio, la situazione della cottura e la cappa si adegua.

La lavatrice
L'Ariston digital è il sistema che connette tutti gli elettrodomestici Ariston, cuore del sistema è l'Home smart monitor, uno schermo che controlla i consumi e il funzionamento di ogni apparecchio in linea, ma è anche computer, radio e tv. La lavatrice è controllata da un microprocessore digitale ed è dotata di un modello Gsm per il collegamento alla rete telefonica e ad Internet. Un display fluorescente permette la lettura dei messaggi. Ogni cliente può verificare lo stato della macchina su una propria pagina web riservata su un apposito sito, può accenderla a distanza e può ricevere sulla macchina messaggi di posta elettronica e brevi messaggi di testo dal cellulare.

Il frigorifero
Il sistema messo a punto dalla Rex connette forno, piastra, cottura, aspiratore, lavabiancheria e lavastoviglie, frigorifero e congelatore.
Se per esempio, si dimentica la porta del frigorifero aperta, il Live In dopo un tempo programmato avverte mandando un messaggio sul cellulare.
Il sistema può essere controllato da un computer o da un telefono Gsm. Il Live In ha un controllore centrale, con uno schermo che può essere installato in cucina, ed è completato da un telecomando impermeabile per pilotare tutti gli elettrodomestici.

Porta trasparente
La novità della Daewoo propone un frigorifero con una porta a cristalli liquidi che, riflettendo la luce, si trasformano e diventano un velo. Basta premere un tasto per produrre un campo magnetico che, modificando la posizione dei cristalli liquidi, permette alla luce di passare.

Il forno
Il ricettario con il forno della Daewoo non serve più; al suo posto una carta magnetica che, inserita nell apparecchio, imposta la ricetta: ordina come scongelare il pollo tolto dal freezer, per quanto tempo cuocerlo.
La General Eletrics ha inventato la cottura "lightwaves" che unisce la luce al microonde, per cucinare in tempi ancora più rapidi.
La Panasonic presenta un sistema completamente computerizzato; basta schiacciare i tasti giusti e non si brucia l'arrosto.

Il congelatore
Il nuovo congelatore computerizzato della società tedesca Liebherr; l'elettrodomestico è dotato di un microcomputer che riconosce tutti i prodotti posti al suo interno e che indica dove si trovano, quanti sono e quando stanno per esaurirsi o per scadere, senza costringere e rovistare fra i sacchetti ghiacciati. Tutto è reso possibile dai cosiddetti transponder, microchip che vengono installati sui prodotti da congelare e che comunicano all'esterno attraverso impulsi radio.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRilevatori di fumo
Articolo successivoTelecomandi