grafica – Il numero dello scorso febbraio di Icon è stato interamente dedicato al tema del cibo, affrontato secondo l’ottica particolare di un magazine internazionale specializzato nel design e nell’architettura. A cominciare dalla grafica di copertina, naturalmente…

Il numero dello scorso febbraio di Icon – mensile di
design e architettura conosciuto a livello internazionale – è stato interamente
dedicato al tema del cibo.

Lo speciale, com’è lecito aspettarsi da una simile
testata, affronta l’argomento secondo dall’ottica tutta particolare dei
progettisti
, cui è stato per esempio chiesto di spiegare le ragioni alla base
dell’aspetto contemporaneo degli alimenti prodotti a livello industriale.
Naturale che molto spazio sia stato riservato a progetti di design in senso
stretto e in qualche modo legati al tema dell’alimentazione: dai pezzi di
Alessi agli spremiagrumi di Starck esposti al MoMA (e perché non le sorprese
dell’ovetto Kinder, si chiedono giustamente i redattori), allo spagnolo Martì
Guixé
che applica i principi della progettazione moderna agli oggetti della
produzione di massa (leccalecca compreso) cui siamo ormai anestetizzati.
Tra golosi oggetti industriali e progetti architettonici
che vogliono riportare la coltivazione agricola all’interno della città
, forse
quello che di questo numero colpisce maggiormente resta l'immagine in copertina,
realizzata dallo studio francese Zim&Zou.

Prendendo a prestito dal codice pubblicitario lo standard
della macrofotografia dell’alimento, così bello da non essere neppure reale
(infatti, generalmente si tratta della sua migliore riproduzione in plastica e
altri materiali tutt’altro che commestibili), i due giovani fondatori dello
studio hanno realizzato un magnifico hamburger... fatto palesemente di carta.
Lucie Thomas e Thibault Zimmermann, in arte Zim&Zou,
si sono specializzati infatti nell’esplorazione delle possibilità espressive
della carta
, impiegata in ambiti diversi che spaziano dalle installazioni alla
grafica, passando per impieghi più “tradizionali” quali la scultura e
l’illustrazione.

scheda studio

studio: Zim&Zou Studio

designer: Lucie Thomas, Thibault Zimmermann

città: Nancy (Francia)

indirizzo: 10 rue du recteur Louis Bruntz

e-mail: contact@zimandzou.fr

sito web: www.zimandzou.fr

CONDIVIDI
Articolo precedenteColore 2012
Articolo successivoFondo Kyoto: come presentare la domanda