Casa Patterlini a Sant’Ilario d’Enza (Re) – ReCS Architects

ReCS Architects ha progettato il recupero di un edificio degli anni Sessanta, con una soprelevazione e un sistema di terrazzi sovrapposti.

L’intervento di ristrutturazione, sviluppato dal team di ReCS Architects, riguarda un tipico villino unifamiliare degli anni Sessanta, situato sul tratto urbano della via Emilia, all’interno del comune di Sant’Ilario d’Enza, ultima propaggine di Reggio Emilia verso Parma. L’edificio si presentava con una planimetria molto semplice, due rettangoli uniti, caratterizzata ad est da un terrazzo trapezoidale, una sezione nord-sud che evidenziava un dislivello di parecchi metri rispetto alla quota (+0.00) del prospetto sud, rispetto quello a nord (-5.20) e per quanto riguarda il rapporto con il contesto una relazione privilegiata con la via Emilia essendo la prima costruzione che si incontra per chi entra nel centro abitato da est.

Terrazzo BLa ristrutturazione ha comportato la sopraelevazione dell’edificio di un piano e la sostituzione del sistema costruttivo in muratura con quello trilitico, travi e pilastri, in cemento armato. In questo progetto l’idea ha definito la forma. L’obiettivo primario è stato sottolineare il rapporto con il lato sud-est che offriva la miglior percezione con il paesaggio circostante ma soprattutto una vista diretta e protetta della via consolare romana.

Dettagli

Non essendo possibile aumentare la superficie abitabile si è cercato di ricompattare la planimetria, frammentata dal terrazzo, attraverso la costruzione di un nuovo perimetro che delimitasse tutte le zone dell’edificio. È stato realizzato un diaframma, dietro al quale un sistema di terrazzi sovrapposti, prolungamento all’aperto dell’abitazione, arricchisse il fronte est dal quale poter traguardare, attraverso tagli studiati nelle loro proporzioni, il paesaggio circostante. Lo stesso diaframma media le differenze in pianta esistenti riportando la forma ad un poligono regolare.

Ingresso

Il carattere semplice e tettonico allo stesso tempo della nuova abitazione è stato perseguito attraverso la scelta di una copertura che riprendesse esattamente il nuovo perimetro dell’edificio, coprendo anche le zone “fredde” terrazzate, accorgimento utile a sottolineare la compattezza della composizione ma allo stesso tempo alleggerendo tutta la composizione grazie all’assenza di sostegni della stessa copertura su tutto il lato est e in parte in quello a sud.
I layout interni rispondono alle esigenze funzionali abitative dei nuovi proprietari con l’eccezione della zona giorno del appartamento del primo piano che permetteva un uso dello spazio più libero da vincoli, qui si è deciso di configurare lo spazio attraverso una pianta a T alle cui estremità sono poste le grandi aperture di dimensioni simili ai tre ambienti prospicenti nei quali prendono posto la cucina, il soggiorno e la zona pranzo.

La zona living si completa con i servizi per gli ospiti, uno studio e le scale per accedere al piano superiore. Il materiale principale è la muratura intonacata di colore chiaro. Il basamento, inizialmente pensato come muro a scarpata, presenta nella realizzazione finale un colore più scuro. Le cornici aggettanti delle aperture in facciate sono realizzate in eps. L’edificio è stato realizzato tenendo in considerazione le più avanzate tecnologie per l’impiantistica e prevede un efficienza energetica molto alta (classe A) e una sostenibilità studiata nei minimi particolari.

IB__6817-Modifica

Pubblica i tuoi commenti