mostra – A Roma, dal 30 luglio al 1 agosto 2010, una delle tappe italiane della rassegna di Comieco e Tetra Pak.

Che fine fanno gli imballaggi cellulosici che contengono i prodotti di uso comune che si trovano sugli scaffali della grande distribuzione? Rinascono a nuova vita, diventando ancora imballaggi o trasformandosi in oggetti, utili o artistici.
La rassegna "L'altra faccia del macero", organizzata da Comieco (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli imballaggi a base cellulosica) in collaborazione con Tetra Pak, intende dimostrare concretamente questo percorso virtuoso di rinascita, presentando nei centri commerciali di diverse città italiane i risultati e gli obiettivi.

Una mostra itinerante che intende promuovere la cultura della raccolta differenziata di carta e cartone proprio nei luoghi dove oggi gran parte dei cittadini italiani compiono le scelte d'acquisto, vale a dire le gallerie dei centri commerciali, "moderne agorà dove si va per fare shopping ma che sempre di più si trasformano in luoghi di aggregazione e di informazione". Anche per quanto riguarda i temi ambientali, sempre più sentiti dalle grandi catene sia produttive sia distributive. E dai consumatori, visto che nel 2009 la raccolta differenziata di carta e cartone è cresciuta del 5,2%, superando i tre milioni di tonnellate (+2,7 kg pro capite rispetto all’anno precedente). Questo nonostante un calo del 9% dell'immissione sul mercato di imballaggi cellulosici, attualmente riciclati per l'80% del totale.

Dal 30 luglio al 1 agosto 2010 la rassegna sarà a Roma, nel centro commerciale Romaest (120.000 mq di superficie coperta, con 211 attività commerciali e 7000 posti auto). Poi farà tappa a Reggio Calabria (PortoBolaro), Bologna (Shopville GranReno), Rimini (Le Befane), Verona (La Grande Mela), Torino (Ottogallery), Curno (Auchan Curno).

Appuntamento
L'altra faccia del macero
30 luglio – 1 agosto 2010
Romaest
www.comieco.org

Comieco
tel. 02 55024.1
fax 02 54050240
info@comieco.org

CONDIVIDI
Articolo precedenteAnyang Peak
Articolo successivoLuce per Milano