mostra – Svelati a Venezia, durante la vernice della Mostra Internazionale di Architettura, i vincitori del concorso per la progettazione di un nuovo polo culturale a Mestre.

Nell'immaginario collettivo Venezia è sempre definita dal centro storico e dal centinaio di isole, mentre la terraferma viene percepita come una indefinita periferia-dormitorio. Eppure è proprio in quest'ultima zona - comprendente Mestre e Marghera - che si stanno attuando le trasformazioni più forti, sia infrastrutturali sia economiche.

La Fondazione di Venezia, nell'ottica di perseguire il rilancio e la riqualificazione in particolare di Mestre (area metropolitana con un tasso di crescita economica del 3% e circa 2,6 milioni di abitanti), ha bandito il concorso internazionale a inviti M9 A New Museum for a New City. Sei rinomati studi europei - Massimo Carmassi, David Chipperfield, Pierre-Louis Faloci, Luis Mansilla/Emilio Tuñón, Matthias Sauerbruch/Louisa Hutton, Eduardo Souto de Moura - sono stati così chiamati a lavorare su un'area di 9.000 metri quadrati, al fine di progettare un nuovo edificio da collegare all'ex Caserma Matter, recuperata insieme a una terza costruzione preesistente. L'insieme diventerà un nuovo polo culturale, M9 appunto, in cui troveranno spazio funzioni museali, commerciali e terziario.

Nei giorni dell'inaugurazione della 12. Mostra Internazionale di Architettura sono stati decretati i vincitori e presentati al pubblico tutti i progetti dei partecipanti, in una mostra nel sito dove sorgerà M9, aperta per tutto lo svolgimento della Biennale.
La palma è stata assegnata al lavoro di Matthias Sauerbruch e Louisa Hutton, con studio a Berlino e realizzazioni soprattutto in Germania (in Italia è loro un complesso misto nell'area dell'ex fabbrica Carlo Erba a Milano): "una felice sintesi tra le esigenze di un museo moderno, i vincoli tecnici e le caratteristiche urbane di Mestre. Crea un rapporto nuovo con la città, disegnando nuovi spazi pubblici e nuovi accessi, per una piena permeabilità e fruibilità dell'area. Grazie a una concezione strutturale e impiantistica all'avanguardia, attenta ai temi dell'eco-compatibilità e del risparmio energetico, propone una soluzione progettuale di alto livello ed estremamente flessibile negli utilizzi".

Tutti i video delle interviste agli architetti partecipanti e dei sopralluoghi al sito del futuro museo sono visibili a questo indirizzo.

Appuntamento
M9 A New Museum for a New City
28 agosto - 21 novembre 2010
via Poerio 24
Venezia Mestre
tel. 041 2201215
www.m9museum.it







CONDIVIDI
Articolo precedenteMapping Contemporary Venice/2
Articolo successivoCattedrali del vino