mostra – In mostra a Berlino, dall'8 ottobre all'11 novembre 2010, presso l'Architecture Forum Aedes, il presente e il futuro di tutto ciò che oggi matericamente e concettualmente definisce le superfici. Anche architettoniche.

I concetti di membrana, di superficie, di confine sono importanti in diversi campi del sapere, dalla ricerca tecnologica alle discipline umanistiche, dalle arti al design e all'architettura. Ed è forse proprio in virtù di tale molteplicità di riferimenti che questi termini (e tutto ciò che sottintendono) sono stati e continueranno a essere ambiti di ricerca particolarmente fertili.

A tali concetti e soprattutto alle loro declinazioni fisico-materiche è dedicata la mostra Membranes, Surfaces, Boundaries aperta dall'8 ottobre all'11 novembre 2010 presso l'Architecture Forum Aedes di Berlino e ideata dal Max Planck Institute con l'Università di Kassel: uno sguardo su tutto ciò che oggi è già "visibile e utilizzabile nel contesto di tutti i giorni o lontano dalla vista poiché parte del regno della ricerca nanotecnologica dei materiali e dei processi biotecnologici e chimici".

L'esposizione, che spazia dal campo prettamente scientifico a quello artistico - con lavori dell'artista Heike Klussmann, dell'architetto Thorsten Klooster, dei designer Susanna Hertrich e Clemens Winkler -, intende indagare il mondo delle membrane, delle superfici e più in generale dei confini fisici, dimostrandone lo stato sempre in bilico fra teoria e matericità, fra quotidianità e eccezionalità, tra tecnologia ed estetica. Un taglio originale per un argomento particolarmente interessante anche per i progettisti, che vi troveranno spunti e riflessioni per delle applicazioni inedite e soprattutto per nuove interpretazioni teorico-pratiche delle pelli architettoniche.

Appuntamento
Membranes, Surfaces, Boundaries
8 ottobre – 11 novembre 2010
Aedes Am Pfefferberg
Christinenstrasse 18-19
Berlino

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa barca-orto
Articolo successivoOnirica, sogno verde