evento – Con una selezione di oltre venti film documentari girati negli ultimi anni, MDFF presenta sul grande schermo le storie di edifici, di città, di designer e di architetti. Il vissuto delle grandi opere, gli aneddoti del mestiere di progettista e le immagini degli scenari urbani.

16 Acres 
2012, Director Richard Hankin, 91 min, English language with Italian subtitles
La ricostruzione di Ground Zero a New York City è uno dei più complessi progetti di rinnovamento urbano nella storia Americana, sia dal punto di vista architettonico che dal punto di vista politico e emotivo. Fin dall'inizio, l'impegno di ricostruzione è stato pieno di polemiche, ritardi e controversie politiche. La lotta e le dispute sono durate undici anni, diciannove agenzie governative, una dozzina di progetti e oltre 20 miliardi di dollari.
A parte le sfide ingegneristiche sconcertanti del sito stesso, un fattore di complicazione importante nella ricostruzione del World Trade Center è il gran numero di figure interessate. Politici, sviluppatori, architetti, imprese di assicurazione, residenti locali e parenti delle vittime dell'11/9: tutti si sentono coinvolti reclamando il sito e sono spesso in conflitto tra loro. Secondo il New York Times, "dove alcuni hanno visto il lucroso settore immobiliare, altri hanno visto un cimitero. Dove alcuni hanno visto il Rockefeller Center o Lincoln Center o Grand Central Terminal, altri hanno visto Gettysburg ".
Dove una volta c'era Ground Zero oggi è un cantiere frenetico. Tremila lavoratori stanno costruendo quattro dei grattacieli più alti in America, un iconica - e complicata - stazione ferroviaria, un complesso teatrale, un monumento sacro e un museo. Ciò che emergerà nel centro di Manhattan nei prossimi anni ridefinirà la città - e il paese - per generazioni.
16 Acres è la storia di come e perché questo progetto storico è stato approvato. Al centro della storia c'è la tensione drammatica tra le intenzioni più nobili, il desiderio di tutti i soggetti coinvolti di "fare la cosa giusta", e la politica, l'arroganza, l'ego e l'ideologia che è il fondamento di New York City.

Contemporary Days - The Designs of Lucienne & Robin Day
2010, Director Murray Grigor, 77 min, English language with Italian subtitles
Robin e Lucienne Day diedero nuovo impulso al design inglese del secondo dopoguerra con mobili e tessuti sorprendenti che segnarono una nuova era di sensibilità modernista per la vita di tutti i giorni. Il film ripercorre la vita privata e professionale della loro lunga carriera di designer durata più di 70 anni: dai primi progetti realizzati al Royal College of Arts nel 1930 fino al periodo che li ha visti protagonisti nel massimo splendore del design britannico e alla loro recente riscoperta da parte delle nuove generazioni di amanti del design.

Desert Utopia: Midcentury Architecture in Palm Springs 
2010, Director Jake Gorst, 58 min, English language with Italian subtitles
Questo documentario ripercorre le origini e lo sviluppo della "Midcentury Architecture" nella mecca modernista di Palm Springs in California. La città vanta numerosi edifici storici di pionieri modernisti come Richard Neutra, Albert Frey, E. Stewart Williams, Donald Wexler, William Cody e William Krisel.
Il film di Jake Gorst riporta queste architetture uniche in vita presentando filmati d'archivio mai visti prima su questi architetti e sulle loro costruzioni.

Diller Scofidio + Renfro: Reimagining Lincoln Center and the High Line 
2012, Directors Muffie Dunn & Tom Piper, 57 min, English language with Italian subtitles
Diller Scofidio + Renfro è da tempo in prima linea nel panorama dell'architettura e del design internazionale. Questo studio di progettazione interdisciplinare è stato tra i primi ad attirare l'attenzione attraverso mostre provocatorie di progetti che rompevano i confini tra Arte e Architettura. Nel 1999, Elizabeth Diller e Ricardo Scofidio sono stati insigniti del prestigioso contributo "Genius" dalla MacArthur Foundation, in riconoscimento del loro impegno a integrare l'architettura con la complessità della cultura contemporanea. Con il completamento quasi in simultanea di due progetti a grande scala a New York City - la ristrutturazione della High Line e la rivitalizzazione ed espansione del Lincoln Center for the Performing Arts - Diller Scofidio + Renfro ha galvanizzato l'attenzione del pubblico. Tra il 2004 e il 2011 lo Studio, in collaborazione con James Corner Field Operations, ha convertito la derelitta alta ferrovia di linea sulla città di West Side (da Gansevoort a 30 vie) in un sofisticato elevato parco urbano di 1,5 miglia.
In questi 54 minuti di documentario, le voci intelligenti degli architetti sono unite da una notevole cinematografia e da interviste con l'Assessore all'Urbanistica di New York Amanda Burden e altre figure istituzionali. Critici e teorici come Mark Wigley, Anthony Vidler e Filler, offrono intuizioni eccezionali sulla storia dello Studio Diller Scofidio + Renfro, sui progetti completati precedentemente, e su quello straordinario processo di rivisitazione dell'identità pubblica di due importanti spazi urbani di New York.

Eames Architetti Pittori Designer
2011, Directors Jason Cohn and Bill Jersey, 81 min, Italian language.
Vincitore del 2012 Peabody Award
"Eames: Architetti, Pittori, Designer", è il primo film di Charles e Ray Eames e l'unico film capace di raccontare la loro eccezionale collaborazione, il loro matrimonio e il loro "Renaissance studio" creato in un ex magazzino a Venice in California. Narrato da James Franco, il film attinge da una miniera preziosa di materiale d'archivio, soprattutto da film mozzafiato e da centinaia di fotografie prodotte da Charles, Ray e dai loro collaboratori durante gli iper-creativi quarant'anni dell' Eames Office. I loro familiari e gli storici del design aiutano a guidare la storia, ma è attraverso le interviste con i due designer ancora giovani del "24-7" mondo dei "The Eamery", come venivano chiamati, che emerge davvero il quadro complesso e affascinante di questo team creativo.

Fallingwater: Frank Lloyd Wright's Masterwork
2011, Director Kenneth Love, 56 min, English language with Italian subtitles
Fallingwater è tra i migliori esempi di architettura organica di Frank Lloyd Wright (1867-1959) e uno dei suoi capolavori. In una lunga intervista, Edgar Kaufmann Jr., figlio dell'industriale Edgar J. Kaufmann, racconta in dettaglio il progetto della casa che la sua famiglia, nel 1935 commissionò a Frank Lloyd Wright. Egli descrive le peculiarità di questa incredibile casa di vacanza costruita in Pennsylvania, direttamente su una cascata. Le sue osservazioni personali e aneddoti permettono di percepire questo straordinario edificio, un modello di completa integrazione armoniosa con la natura. Tre degli apprendisti di Wright, Edgar Tafel, Bob Mosher e Wes Peters, discutono il loro lavoro per la progettazione e la costruzione della casa, filmato nelle diverse stagioni dell'anno. Il film include anche un raro filmato di repertorio di Wright e Kaufmann Jr.

From Nothing, Something: A Documentary On The Creative Process
2012, Director Tim Cawley, 79 min, English language with Italian subtitles
From Nothing, Something descrive pensatori creativi di tutta una serie di discipline (tra cui l'Architettura e il Design) per trovare le tecniche comuni, le abitudini e le nevrosi che portano a idee innovative. Questo è uno sguardo riflessivo e intimo, spesso divertente, al processo creativo del cervello di alcuni dei talenti di compiuta di cultura più singolari. Con interviste all' architetto Preston Scott Cohen, alla Fashion Designers Alexa Adams e Flora Gill di Ohne Titel, al Video Game Designer Jason Rohrer, all'Hollywood Creature Designer Neville Pagina (Avatar, Prometheus), all'autrice musicale Sara Quin di Tegan & Sara, allo sceneggiatore/romanziere Tom Perrotta (Elezione, Little Children), ai Top Chef Mary Sue Milliken e Susan Feniger, al comico Maria Bamford, il due volte premio Pulitzer vignettista Steve Breen, tra molti altri.
"Ispirante e motivante. From Nothing, Something rivela una singolare nevrosi che tutti condividono che è la compulsione a creare "-. Fast Company.
"Ci porta al cuore della creazione. Veloce. Esteticamente ricco. Un film che ci sfida a risvegliare i nostri sensi. "Les Meconnus, Montreal.
"Che cosa succede dentro la testa delle persone "uber-creative"? Questo stimolante frenetico documentario rivela le personalità folli di geni eccentrici "-. Arts & Opinion.
"Intelligente e divertente. Pochi registi riescono ad avvicinarsi con le lenti del viaggio cinematografico a tanto intelletto e ispirazione, ma Cawley dimostra di essere l'eccezione. Mi sono trovato completamente e assolutamente affascinato "-. Theindependentcritic.com.

Hella Jongerius: Contemporary Archetypes 
2008, Director Amie Knox, 30 min, English language with Italian subtitles
Hella Jongerius: Contemporary Archetypes esplora l'approccio progettuale della designer di fama mondiale olandese, che è considerata uno dei designer più innovativi e creativi che lavorano oggi. Jongerius esplora nuove visioni per il design, l' artigianato, l' arte e la tecnologia nei suoi prodotti per la vita quotidiana.
Girato ad Amsterdam, Rotterdam, Makkum, Indianapolis e New York, il film esamina il design process approach di Hella Jongerius attraverso interviste con la progettista, con i suoi assistenti, con i produttori dei suoi progetti e con i curatori che ammirano il suo lavoro. In questo film parlano di questo fruttoso e influente designer figure di spicco del design internazionale, tra cui Paola Antonelli (The Museum of Modern Art di New York), R. Craig Miller (Indianapolis Museum of Art) e il gallerista di design newyorkese Murray Moss. Sono presenti alcuni dei suoi produttori tra cui Rolf Fehlbaum (Vitra), Michael Maharam (Maharam) e Jan Tichelaar (Royal Tichelaar, Makkum).

Milton Glaser: To Inform and Delight
2009, Director Wendy Keys, 73 min, English language with Italian subtitles
Per molti, Milton Glaser è la personificazione della Graphic Design americana. Meglio conosciuto come il co-fondatore del New York Magazine e la perdurante campagna I ? NY, tutta l'ampiezza della notevole produzione artistica di Glaser si rivela in questo ritratto-documentario. Da giornali e riviste, disegni per gli spazi interni, loghi e brand identities, per le sue celebri stampe, disegni, manifesti e dipinti, il film offre al pubblico la possibilità di comprendere e apprezzare uno dei grandi uomini del rinascimento della nostra era.

Modern Tide: Midcentury Architecture on Long Island
2012, Director Jake Gorst, 88 min, English language with Italian subtitles
Nel corso del 1950 e '60, Donald Wexler è il pioniere dell' edilizia commerciale e residenziale realizzata utilizzando l' acciaio. Wexler applica le sue tecniche innovative con uno stile inconfondibile in centinaia di strutture, tra cui l'Aeroporto di Palm Springs, il Contemporary Resort a Disneyworld, e progetti per clienti come Dinah Shore e Frank Sinatra. Oggi il suo lavoro ispira una nuova generazione di architetti. Questo film ha vinto l'ambito premio del pubblico Audience Award in the Art, Architecture and Design Category at the 2010 Newport Beach Film Festival.

Perchè un film su Michele De Lucchi
2013, Director Alessio Bozzer, 65 min, Italian language
Perché un film su Michele De Lucchi?
La risposta si presenta naturalmente, via via che si ascolta questo architetto. Che racconta dell'architettura radicale, del lavoro in Olivetti e dell'intenso rapporto con Ettore Sottsass. Dell'avventura di Memphis. Degli edifici e degli oggetti. Della lampada Tolomeo, che ha progettato per Artemide nel 1985. Del lavoro con gli artigiani, del perché a un certo punto ha preso in mano una motosega ed ha iniziato a realizzare piccole casette in legno.
E così il film si costruisce quasi da se.
Con i filmati in super 8 degli anni '70, sperimentali, con le performance del gruppo CAVART. Con le foto in bianco e nero di De Lucchi vestito da Napoleone davanti alla Triennale di Milano. Con la catena di montaggio della Olivetti Syntesis, dove nel 1979 De Lucchi ha iniziato a lavorare.
Con LP originale Blonde on blonde di Bob Dylan, che girava incessante sul giradischi la notte di dicembre 1980 quando è nata la Memphis. Con i lavori di architettura a Milano, Venezia, in Georgia. Con le fasi di lavorazione e l'assemblaggio della lampada Tolomeo. Con Michele De Lucchi che riempie di benzina la sua motosega ed inizia a tagliare e modellare grossi ceppi di legno nel suo spazio privato, il Chioso, ad Angera.

Philip Johnson: Diary of an Eccentric Architect
1996, Director Barbara Wolf, 56 min, English language with Italian subtitles
"Il mio posto nel New Canaan è... un diario di un architetto eccentrico." Comincia così uno sguardo affascinante nella mente di uno degli architetti più creativi e significativi del XX secolo. Philip Johnson ha vissuto in prima linea il cambiamento stilistico e la sua proprietà "Glass House" di New Canaan, Connecticut, fu usata come una sorta di laboratorio in cui Johnson stesso divenne il suo miglior cliente. La Glass House non ha pareti, e il paesaggio diventa "carta da parati costosa." Il film rivela un Johnson candido e irriverente al lavoro che sottolinea l'importanza del gesto architettonico - costruzione vera e propria - e di come gli edifici interagiscono con il loro ambiente.

Rafiq Azam. Architecture for Green Living
2013, Directors Mara Corradi and Roberto Ronchi, 30 min, English language
A metà degli anni Novanta, quando l'architettura sostenibile era ancora un ideale di nicchia, Rafiq Azam fondò il suo studio sul concetto di green living. Scelta controcorrente quella di porre al centro della professione i benefici del verde e dell'acqua, operando in una città come Dacca, la capitale del Bangladesh, in cui la scomparsa del verde era ed è tuttora una delle più grandi piaghe urbane e sociali.
La filosofia di Rafiq Azam non è derivata dai parametri delle certificazioni ambientali che oggi classificano la sostenibilità di un edificio, ma al contrario dall'osservazione e dallo studio del proprio paese, il Bangladesh. Con la sua vocazione alla pittura, egli sviluppa una particolare sensibilità estetica, dove l'architettura diventa acquerello. Il verde e l'acqua permeano l'opera costruita, in quanto elementi presenti nell'immaginario di questo paese, che derivano dal clima, dal territorio e dall'avvicendarsi delle stagioni. I corsi d'acqua e la ricchezza di vegetazione nelle campagne che ne sono diretta conseguenza, soprattutto in seguito al passaggio dei Monsoni, sono elementi che Azam fa riecheggiare nei suoi progetti per residenze, lottando contro una speculazione edilizia che soffoca la città.
In questa intervista, che si svolge a Milano, Azam descrive la sua Dacca e il suo Bangladesh, raccontandone la storia millenaria e i 50 canali provenienti dall'Himalaya che ne nutrono il territorio. Afferma l'importanza dell'architettura come via di cambiamento sociale, culturale, economico e come strumento di progresso per un paese dove ancora si lotta per la sopravvivenza quotidiana. Descrive le figure chiave che hanno influenzato la nuova generazione di progettisti in Bangladesh, come Muzharul Islam e Luis Kahn, sia in termini di composizione architettonica che in termini di scelta dei materiali, motivandone le scelte in ragione delle peculiarità e delle risorse territoriali.
Ma più di ogni altra riflessione, con la frase con cui si conclude l'intervista, Rafiq Azam descrive se stesso e lo scopo dell'architettura, citando Vincent Van Gogh: non c'è niente di più artistico che amare le persone.

Ron Gilad. The Logical, the Ironic, and the Absurd
2013, Director Francesca Molteni, 30 min, English language
Luce senza corpo illuminante, vento senza ventilatore, fumo fatto di marmo, una sedia che sgocciola - il lavoro di Ron Gilad costringe lo spettatore ad accogliere il dubbio come valore supremo e a mettere in questione la validità di cose che sono di solito date per scontate.
I suoi oggetti sembrano familiari e funzionali, quotidiani, ma il metodo di lavoro di Gilad li spoglia della loro funzione originaria e li trasporta in nuovi mondi.
Questo documentario di 30 minuti è un reportage sulla sua prima mostra personale, commissionata da un museo, che si è inaugurata a luglio 2013 al Tel Aviv Museum of Art. "Ron Gilad. The Logical, the Ironic, and the Absurd" è anche il titolo della mostra che comprende circa 100 lavori, la maggior parte dei quali disegnati nel 2013, realizzati da produttori italiani. Alcune di queste idee potranno forse essere tradotte in prodotti veri e propri.
Ron Gilad, nato nel 1972, ha studiato industrial design alla Bezalel Academy of Art and Design di Gerusalemme. Vive e lavora tra Tel Aviv e Milano. Negli ultimi anni ha ricevuto il Wallpaper Design Award (Designer of the Year; Best Domestic Design) e l'Elle Décor International Design Award (Designer of the Year; Furniture Design).

The Architecture of Carlo Scarpa
1996, Director Murray Grigor, 57 min, Italian and English language.
Revived in High-Defintion for the first time ever!
Veneziano di nascita, Carlo Scarpa (1906-1978) è stato radicale nel suo approccio alla ristrutturazione degli edifici storici, mostrando grande capacità nel combinare i risultati del passato con l'invenzione e la creatività della sua progettazione. Nulla sembra più semplice: gli edifici storici devono essere ripristinati dal momento che sono una parte del nostro patrimonio. Eppure ci sono difficoltà - sia nell'approcciare il complesso "parco a tema" del patrimonio architettonico, sia nell' eccessiva riverenza per un immaginario di autenticità storica. Si è confrontato con la Storia unendo i materiali rari e preziosi con i più comuni, unendo il ruvido con il liscio, celebrando la differenza tra il funzionale e il lusso.
Guardando il progetto di Castelvecchio a Verona, o il Palazzo Abatellis a Palermo, il visitatore è colpito dalla fusione armoniosa di passato e presente. Questo risultato deriva dalla sensibilità di Scarpa alla forma architettonica e alla luce naturale, alla sua attenzione per i dettagli nella reinterpretazione della tradizione dell' alta qualità dell' artigianato veneziano. I suoi nuovi edifici riflettono tutte queste qualità, in particolare il Memorial Brion a San Vito d'Altivole in Italia, uno dei grandi enigmi della architettura moderna.

Unfinished Italy
2011, Director Benoit Felici, 34 minutes, Italian with English subtitles
Italia, casa di rovine: un incursione nell' incompiuto e più importante stile architettonico in Italia tra la fine della seconda guerra mondiale e oggi. Edifici in un limbo tra la perfezione e il nulla, abbandonati a metà strada durante la loro costruzione, caduti in rovina prima che fossero mai usati, fanno parte integrante del panorama architettonico italiano: Stadi senza spettatori, ospedali senza pazienti, teatri che dopo 50 anni hanno non ancora visto un anteprima. Questo è lo studio del valore potenziale di edifici incompiuti in Italia e della capacità dell' uomo di adattarsi alle sue esigenze quotidiane. Queste rovine, il cui futuro è già passato e la cui presenza porta il sapore di un'attesa eterna, agiscono come un invito a meditare sul tempo.

Torna all'articolo:
Milano Design Film Festival 2013

CONDIVIDI
Articolo precedenteCool by Simes
Articolo successivoEMC2LED by Castaldi Lighting