factory – L'azienda di Monchiero, prima in Piemonte nel suo settore, ottiene la certificazione PEFC per i suoi serramenti in legno.

Navello, lo storico marchio piemontese di serramenti in legno, ha ottenuto al termine di un complesso percorso di analisi e controlli, la certificazione internazionale PEFC (Programme for Endorsement of Forest Certification), che riconosce all'aziend a l'utilizzo di legnami provenienti da foreste controllate e gestite secondo criteri di sostenibilità ambientale.

Questo è un risultato particolarmente significativo nel 2011, Anno Internazionale delle Foreste per le Nazioni Unite. La sensibilità comune ha infatti ormai compreso quanto il patrimonio forestale/boschivo sia fondamentale per la sopravvivenza stessa del pianeta. In Italia, aziende eticamente responsabili come Navello Spa hanno da tempo deciso di fondare il proprio sviluppo su uno sfruttamento responsabile del patrimonio boschivo. Un impegno portato da Renato Navello, Amministratore Delegato dell'azienda famigliare, anche all'interno della Confindustria di Cuneo e nell'associazione Legno Finestra Italia, promossa insieme a un pool di aziende del settore legno per promuovere l'eccellenza italiana nel mondo. Quella della famiglia Navello è la storia di una tradizione produttiva famigliare tra le più longeve nel nostro Paese. L'azienda è cresciuta attraverso le generazioni seguendo un percorso basato sulla qualità dei materiali e sullo sviluppo di tecnologie sempre più sofisticate per la lavorazione del legno. Sebbene l'azienda abbia sviluppato nel tempo una capacità produttiva di livello industriale, la dimensione artigianale è rimasta nel Dna. Fra le produzioni Navello ricordiamo: serramenti, portoncini di primo ingresso, persiane e antoni, realizzabili su disegno e in qualsiasi dimensione.

scheda azienda

Nome: Navello Spa

Indirizzo: Via Chiabotti Rea, 9

Città: Monchiero

Cap: 12060

Provincia: CN

Regione: Piemonte

Telefono: 0173 792010

Fax: 0173 792011

e-mail: info@navello.it

Web: www.navello.it

CONDIVIDI
Articolo precedenteBioclimaZero ti premia
Articolo successivoKlimahouse 2011