La Terna Spa, società concessionaria in Italia per la trasmissione e la distribuzione dell’energia elettrica sulla rete ad alta e altissima tensione, ha indetto nel 2011 un concorso a inviti per la progettazione architettonica della nuova stazione elettrica a tecnologia innovativa compatta da realizzare nell’Isola di Capri per consentirne il collegamento diretto alla rete elettrica nazionale tramite cavo sottomarino. Una sfida complessa per le implicazioni tecniche, paesaggistiche e ambientali.
FDG (Frigerio Design Group) ha vinto il concorso per la progettazione architettonica della nuova stazione elettrica con un progetto che interpreta l’ambiente, ponendo in relazione il manufatto con la sua personalità e qualità architettonica, per esprimere una contemporanea sensibilità alle straordinarie caratteristiche del sito. Gradoni calcarei e vegetazione mediterranea: il progetto prende ispirazione dalla matrice naturale dell’area. La planimetria della stazione elettrica viene disegnata dall’orografia del terreno, i gradoni calcarei che salgono da Marina Grande diventano muri di contenimento o edifici, mentre la vegetazione occupa in modo spontaneo gli spazi vuoti e mitiga i volumi minimizzando l’impatto visivo. Geometrie e colori sono ripresi dal luogo e vengono reinterpretati nei materiali e nei dettagli, per conservare la stessa ricchezza e vibrazione di luce. La scelta di utilizzare le cromie del sito, consente di ottenere un impatto visivo più “dolce” e integrato. L’intervento edilizio si lega alla natura per ottimizzare l’impatto ambientale senza rinunciare alla propria identità e instaura una relazione con il paesaggio per contrappunto. L’architettura proposta per la stazione elettrica si è posta l’obiettivo di modificare l’immagine impiantistica e tecnologica del complesso, a favore di una differente dignità estetica. Un nuovo “cuore”, sensibile al paesaggio, per alimentare tutta l’isola di Capri.

Focus Struttura – Prefabbricazione e posa in opera
Per la costruzione si è ricorso all’uso della prefabbricazione sia pesante che leggera, con il preciso scopo di semplificare il cantiere e ridurre i tempi di costruzione e i costi. Vista la particolare condizione dell’isola per la costruzione è stata adottata una tecnologia che prefabbrica tutti i componenti principali e a vista.

Focus Impianti – Illuminazione integrata (artificiale e naturale)
Data la particolare condizione paesaggistica il tema della luce assume una fondamentale importanza. Il progetto, che prevede un’illuminazione integrata, posiziona i corpi illuminanti in modo da non vedere la sorgente luminosa, utilizzando corpi con parabole del tipo cut-off e tecnologia Led per ridurre consumi manutenzioni. L’illuminazione scenografica notturna è realizzata con luce blu che richiama la famosa Grotta Azzurra di Capri.

Focus Involucro
Le superfici a vista dei muri di contenimento e delle pareti degli edifici sono realizzate con pannelli prefabbricati in cls bianco addittivato con degli ossidi per ottenere il colore della pietra calcarea. Sulla superficie esterna di questi pannelli sono inserite delle placche in lamiera di ottone che ne caratterizzano la geometria e il colore.