mostra – Dal 7 giugno al 7 luglio di quest'anno la città di Como e alcune zone circostanti (Lipomo e Olgiate Comasco) saranno il palcoscenico dell'evento culturale "Mantero. Cento anni di architettura".

Curata dall'architetto Davide Mantero, proprietario dell'archivio di famiglia, e Jessica Anais Savoia, presidente dell'Associazione Culturale Erodoto (ente organizzatore) la mostra rappresenta il primo studio sulla raccolta e catalogazione di parte del patrimonio artistico e progettuale di Gianni ed Enrico Mantero, già considerato dalla Soprintendenza Archivistica di Milano di notevole interesse culturale.  "Mantero. Cento anni di architettura" è anche la prima mostra dedicata alle figure di Gianni ed Enrico Mantero, padre e figlio, entrambi dediti al servizio del cittadino, della società, dell'urbanistica e della buona architettura "fatta dall'uomo per l'uomo" come si legge in un passo dell'arch. Marco Vido. Due figure che hanno segnato, in modi differenti, la storia di questa materia, e la scrittura di brani importantissimi per la città di Como, come la cittadella dello sport sul lungolago, o le architetture pubbliche pensate per l'istruzione o la terza età della Provincia, soggetti di studio per Enrico, insieme all'insegnamento alla Scuola di Architettura Civile in Bovisa (MI).

Percorso
Il cammino inizia a Como, Largo Spallino 1, con l'allestimento del suggestivo e prestigioso Spazio Culturale Antonio Ratti (Ex Chiesa di San Francesco); più di 150 disegni originali e decine di fotografie d'epoca, materiale che ripercorre quasi un secolo di architettura, sia per la città di Como che per gli stilemi che contraddistinguono il passaggio del tempo: dal neoclassicismo degli anni Venti al razionalismo comasco e al Movimento Moderno dei Trenta, sino ad arrivare alle moderne architetture degli anni Sessanta, Settanta e Ottanta. L'esposizione all'Ex Chiesa di San Francesco è inoltre supportata da un percorso a cielo aperto tra le seguenti architetture: Palazzo Mantovani, Palazzo Barazzoni, Villa Pirovano, Canottieri Lario, Stadio e Piscina Sinigaglia, Condominio San Rocco, Park Hotel in Como città; Scuola elementare e materna a Olgiate Comasco, Scuola media/elementare di Albate, Scuola media di Lipomo, Ca' d'Industria a Rebbio. Con la scelta di questi 14 progetti in mostra, trattati nel catalogo dal comitato scientifico e fotografati da Nicola Belluzzi, giovane fotografo milanese, si è voluto raccontare anche la relazione tra l'uno e l'altro, l'influenza e l'eredità culturale lasciata da Gianni al figlio. Uno spaccato di storia, di anni in cui ancora estetica e funzionalità parevano un connubio indissolubile, e la ricerca della perfezione concettuale e formale anticipavano leggi sull'edilizia pubblica. Un'occasione unica per osservare da vicino materiale autentico, tratti di china o matita scura che hanno raggiunto quasi cent'anni d'età preservandosi nella loro bellezza; bozzetti di progetti e studio di varianti di edifici significativi nella loro composizione costruttiva; fotografie inedite che testimoniano non solo lo stato degli edifici appena costruiti, ma importanti passi della nostra storia, come l'inaugurazione dell'Opera Nazionale Balilla negli anni Trenta.

Appuntamento
Mantero. Cento anni di architettura
dal 7 giugno al 7 luglio 2011
Como
Inaugurazione
7 giugno
ore 18.30
Sede principale: Spazio Culturale A. Ratti – Largo Spallino 1, Como, Percorso tra le architetture in progetto, Como, Lipomo e Olgiate Comasco.
www.archiviomantero.it

Per info e prenotazione visite guidate
Segreteria organizzativa
T. 031 2494446
Cell. 347 7627106
info@erodoto.org

Foto: Nicola Belluzzi

invito

Scarica il file:
mostra_Mantero.pdf

allegato

Scarica il file:
Contributo_artisti_mostra_Mantero.pdf

CONDIVIDI
Articolo precedenteInnovazione edilizia a Parigi
Articolo successivoT&T 2011