Porte in materiali misti

Testo di Antonella Minopoli e Luca Mòsele

Negli ultimi anni l'innovazione tecnologica ha portato alla nascita dei serramenti composti o misti, dove materiali con proprietà diverse sono uniti tra loro formando un elemento unico grazie alle prestazioni dei singoli materiali ed in realzione ai diversi materiali assemblati tra loro, i serramenti composti si dividono in: legno-alluminio, alluminio-pvc, pur-alluminio, legno-pvc.
 
Sistema misto legno-alluminio:
è costituito da un telaio in legno sul quale sono fissati i profili di alluminio, con funzione di proteggere il legno dagli agenti atmosferici, si ottiene così un serramento che associa le caratteristiche di coibenza del legno alla resistenza alle intemperie dell'alluminio; a seconda dei tipi la funzione strutturale può essere affidata all'alluminio o al legno.
 
Sistema misto alluminio-pvc:
realizzato da un telaio in pvc sul quale sono fissati profili di alluminio. Il pvc ha il compito strutturale e di coibenza mentre l'alluminio di protezione contro gli agenti esterni. L'unione è realizzata in modo da consentire il realtivo scorrimento tra i due profili.
 
Sistema misto pur-alluminio:
in cui il poliuretano svolge la funzione strutturale oltre ad avere un forte potere termo-isolante. Si realizza un sistema composto da un'anima costituita da un profilato metallico oppure con poliuretano interno e profilati metallici all'esteno.
 
Sistema misto legno-pvc:
realizzato con un telaio in legno sul quale sono fissati profili in pvc con funzione di protezione verso gli agenti atmosferici. I due profili sono uniti da un dispositivo a scatto, in tal modo il pvc può dilatarsi, a causa di aumento di temperatura, indipendentemente dal legno.

CONDIVIDI
Articolo precedentePorte in legno
Articolo successivoPorte in acciaio