salone 2009 – Natural Stone Vision in Zona Tortona 2009: prosegue il percorso verso la qualita' che conduce il marmo a servizio del progetto

In Zona Tortona, circuito riconosciuto dalla design community come un appuntamento immancabile a livello internazionale, la Natural Stone Vision, progetto trasversale lanciato lo scorso anno in occasione di Carrara Marmotec 2008 con l'obiettivo di ridare vigore e contenuti al dialogo fra la filiera del marmo ed il mondo degli architetti e dei progettisti, presenta Sacro e Profano.
In Via Stendhal al 35, lo Spazio Giovannoni accoglie il nuovo allestimento curato dagli architetti Paolo Armenise e Silvia Nerbi che dà voce e corpo a questo percorso di riqualificazione del mercato lapideo nei confronti della creatività e progettualità con un messaggio ben preciso: il marmo al servizio del design!

Siamo oramai arrivati al 4° step di Natural Stone Vision e per l’occasione torniamo a Milano all’interno di quel teatro in cui ogni anno si mettono in scena i valori dell’italian design.
Il progetto è un progetto estremamente ambizioso ed articolato dove il materiale lapideo diventa protagonista di un criterio di rappresentazione che riunisce tradizione ed innovazione.

Sacro e Profano è una provocazione, ma soprattutto una chiave di interpretazione che si inserisce all’interno di un concetto di progettualità orizzontale dove materiali profondamente diversi trovano nel progetto un linguaggio espressivo comune. Sacro e Profano è un luogo del progetto dove percorsi e storie diverse si incontrano generando valore e suggestioni non più esclusivamente in chiave glocal ma rivelando potenzialità di sviluppo che vanno oltre ogni limite territoriale.

Protagoniste di questa storia sono, da una parte, le aziende del settore lapideo quali, Bundles, Franchi Umberto Marmi, Furrer, GE.M.E.G., Il Casone, Il Fiorino, Italmarble Pocai, Marmi Carrara, MT & S, Piba Marmi, R.E.D. Graniti, Savema Spa e, dall’altra, alcune tra le aziende protagoniste dell’ Italian lifestyle tra cui Antonio Lupi, Bravo Cucine, MyCore, l'Abbate, Davide Groppi, Paola Lenti, Gallotti e Radice, Berti Coltellerie e Uovoquadrato, che scelgono di disegnare insieme una mappa che valorizza le connessioni e le sinergie fra aree diverse come il design, l'architettura, il wellness, il food, la tradizione e la tecnologia.

Nascono così veri è propri progetti che vengono presentati per l’occasione come la serie Acqua, sistema di lavabi e contenitori di Antonio Lupi, la cucina OM di Bravo Cucine, e il tavolo Achille di L’Abbate.

Sacro e Profano rappresenta anche la compenetrazione e la valorizzazione reciproca che è possibile attuare, attraverso il design, fra materiali naturali e materiali sintetici di nuova generazione come il Cristalplant®.

La sacralità e la tradizione del marmo si sposa con la tecnologia e l'innovazione, rappresentate qui dall'utilizzo in contesti contemporanei dei materiali di nuova generazione: questo passo si compie sotto l'autorevole egida della Antonio Lupi Design.
La Natural Stone Vision infatti ospiterà con la Antonio Lupi Design i progetti e i vincitori del Cristalplant® Design Contest, concorso per giovani designer e architetti che promuove e valorizza la versatilità di questo innovativo e raffinato materiale con progetti selezionati ed originali. Una conferma ulteriore di come la conoscenza di un materiale e delle sue potenzialità passi attraverso il design e la progettazione.

Dove
Spazio Giovannoni
Via Stendhal 35

Quando
22-27 aprile
ore 10.00 – 22.00

CONDIVIDI
Articolo precedenteSTAR-T L’arte sotto le stelle
Articolo successivoStone Italiana