Uffici dell'Assessorato Regionale alla Cultura  

Località: Avda. Menéndez Pelayo, Siviglia
Committenza: Excma. Diputación Provincial de Sevilla
Progettisti: Cruz Antonio e Ortiz Antonio
Collaboratori: Miguel Angel Maese
Gruppo di progettazione: Blanca Sánchez, Anette Goemans, Luis Gutiérrez, Miguel A. Maese, J. Carlos Mulero, Miguel Velasco, Cristoph Hube, Manuel Delgado, J. Antonio Molina, Carlos Castro
Progetto architettonico: Cruz Antonio, Ortiz Antonio
Direzione lavori: Enrique Domínguez
Strutture: CONTROLEX
Impresa: Construcciones Hernando SA
Datazione del progetto: 1989
Datazione realizzazione: 1989 - 1992
Superficie complessiva mq: 19.888

Il progetto consiste nel rinnovamento e nell'adattamento di due edifici di abitazione nel centro storico di Siviglia (Calle San José 13 e Calle Levies 3), per i nuovi uffici dell'Assessorato Regionale alla Cultura. L'abitazione più grande, la casa di via San José 13, è un edificio a due piani, del secolo XVIII, eretto su un lotto di circa 1.700 metri quadrati. La sua pianta, nonostante le irregolarità del lotto, si articola intorno a un asse che attraversa il primo cortile, quello principale, quello posteriore e il porticato sul giardino del retro. Intorno a quest'asse si articolano gli spazi principali, mentre gli altri locali hanno il compito di assorbire le irregolarità del perimetro.
A partire dal porticato, un piccolo giardino rettangolare era chiuso da un edificio costruito in modo diverso dal resto della casa, e di minor valore architettonico, che fu demolito e sostituito da un annesso di nuova costruzione. La casa di via Levìes 3 è anch'essa un edificio a due piani, ma di dimensioni ridotte, approssimativamente di 175 metri quadrati di pianta.
A parte il restauro e la ristrutturazione degli edifici preesistenti per il nuovo uso, il progetto si è incentrato sulla realizzazione di un piccolo edificio annesso di quattro piani, situato in fondo, aperto sul giardino e in relazione formale e di contiguità con gli edifici preesistenti. Il punto di unione di entrambe le case diventa anche il nesso con il nuovo edificio, provocando un dislocamento rispetto all'asse che componeva l'edificio principale e permettendo l'interessante visione di scorcio del nuovo edificio.
Tratto da CRUZ A.,ORTIZ A., Cruz/Ortiz, Modena, Logos, 1996, p. 78

Giardino sul retro Il nuovo edificio Passaggio laterale Veduta dall'interno verso il patio Pianta piano terra
Pianta piano primo Prospetto Sezione

CONDIVIDI
Articolo precedenteSt. Hallvard: Chiesa e Convento
Articolo successivoMonocottura