Colore apparente e resa cromatica

Le lampade utilizzate per l'illuminazione generale, vengono classificate a seconda della loro temperatura di colore, e della loro resa cromatica, in tre gruppi:

temperatura di colore  Bianco caldo (Giallastro)

temperatura di colore compresa tra 3.300 e 5000 K

Bianco intermedio (neutro)
temperatura di colore > 5.000 K Bianco freddo (bluastro)

Sebbene sorgenti con la stessa temperatura di colore abbiano anche la stessa apparenza di colore, non è detto che illuminando delle superficie appaiano uguali, perché il colore dipende dalla riflessione della superficie stessa.
La resa cromatica di una sorgente luminosa esprime dunque il grado di fedeltà della luce nel consentire l'apprezzamento delle sfumature di colore degli oggetti che illumina.

Per ottenere una valutazione oggettiva della proprietà di resa del colore di una sorgente luminosa è stato introdotto l'indice Ra.
L'indice di resa cromatica indica l'effetto prodotto su una campionatura di colori da una sorgente luminosa sull'aspetto cromatico di un oggetto, confrontato con quello ottenuto per effetto di una sorgente luminosa campione di pari temperatura di colore. Assume il valore 100 se la sorgente produce esattamente lo stesso effetto della sorgente luminosa di riferimento; maggiore è la differenza di resa del colore rispetto a quella della sorgente luminosa di riferimento, minore è il valore dell'indice Ra.
Bisogna considerare, infatti, che l'illuminazione dipende anche dal colore dei materiali investiti dalla luce. Una superficie appare di un determinato colore perché riflette le lunghezze d'onda corrispondenti al colore della superficie e assorbe le rimanenti; così un vetro trasparente colorato appare di un determinato colore perché si lascia attraversare dalle lunghezze d'onda relative a quel colore mentre assorbe o riflette tutte le rimanenti.
I materiali presentano delle caratteristiche che consentono di considerare i fenomeni legati alla propagazione della luce e all'influenza della luce stessa.
Per questo motivo è importante conoscere alcune caratteristiche dei materiali legate a questi fattori. In particolare le caratteristiche ottiche da considerare sono espresse con i fattori di riflessione, diffusione, ed assorbimento. I materiali solitamente utilizzati presentano una riflessione di tipo mista, con prevalenza della componente diffusa o di quella speculare.

Esempi di resa cromatica

SUPERFICIE LAMPADA/COLORE

ROSSO

BLU

GIALLO

ALTA PRESSIONE DI SODIO

GRIGIO
MARRONE

GRIGIO
BLU

GIALLO

MERCURIO

GRIGIO
ROSSO

BLU
SCURO

GIALLO
CHIARO

INCANDESCENZA

ROSSO
BRILLANTE

BLU
SPENTO

GIALLO
BRILLANTE

FLUORESCENTE     

ROSSO

BLU

GIALLO

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa temperatura di colore
Articolo successivoIl colore