Luce e spazio per il lavoro

La progettazione dell'architettura del call center ha dato un contributo significativo nell'intento di progettare un nuovo ambiente di lavoro. Per quanto riguarda l'illuminazione gli operatori di call center trascorrono la gran parte della loro giornata lavorativa davanti ad un videoterminale: il controllo dell'illuminazione naturale ed artificiale è quindi di fondamentale importanza. Per il progettista non è sufficiente verificare che siano presenti condizioni sufficienti in termini di grado di illuminamento, temperatura di colore oppure un rendimento efficiente dei corpi illuminanti. Zumtobel ha dato un contributo significativo per il rispetto di tali parametri. L'illuminazione viene distinta in naturale e in tre livelli di illuminazione artificiale: illuminazione naturale, da controllare con l'uso di tende e persiane in funzione del layout generale; illuminazione generale; il livello di illuminamento è inferiore a quanto previsto dalle normative per il lavoro: deve garantire la vivibilità degli ambienti, ma non la loro operatività, e non deve interferire con i videoterminali; è inoltre l'illuminazione delle aree comuni degli spazi di collegamento, illuminazione locale, talvolta integrata con il posto di lavoro (task lighting). Questo tipo di illuminazione, di solito trascurato, permette all'operatore di regolare individualmente la luce di ogni posto di lavoro e secondo la nostra esperienza ha un effetto psicologicamente molto importante, in quanto dà al personale l'opportunità di controllare alcune caratteristiche del proprio ambiente di lavoro.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLuce biologica
Articolo successivoIntervista a Mario Botta