Pavimento in parquet

Autore testo e disegno: Enrico Francesconi, Mirko Giorgetti

La caratteristica generale dei pavimenti in parquet dipende dal trattamento che si attua sul legno prima della lavorazione, che garantisce al parquet la stabilità necessaria per ottenere i migliori risultati al momento della posa e, soprattutto, nel tempo. [...] In genere, il ciclo di trattamento pre-lavorazione prevede tre fasi: stagionatura, essiccazione, stabilizzazione.[...]
La stagionatura viene effettuata lasciando i segati del legno, appositamente incastellati per un'ottimale circolazione dell'aria, in ampi piazzali per periodi di tempo variabili a seconda della specie legnosa. Questa operazione, [...], permette di omogeneizzare il grado di umidità delle varie partite.
[...] Con l'essiccazione viene abbassata l'umidità del legno fino al 9% circa, valore che nei paesi a clima temperato assicura, in ambienti abitati, la massima stabilità dimensionale. Una corretta percentuale di umidità è infatti fondamentale per evitare il rischio di rigonfiamenti e fessurazioni nel pavimento.
La stabilizzazione è un processo di miglioramento del legno che previene problemi in successive lavorazioni e nel tempo. E' da molti trascurata per i suoi alti costi, è invece determinante per il livello di qualità di un pavimento in legno.


Fonte testo:
E. Gregorini, I rivestimenti interni - Pareti, Pavimenti, Controsoffitti, ed. Maggioli, Rimini, 1995.

Fonte foto
Domus Extra, allegato a Domus n° 811, gennaio 1999

CONDIVIDI
Articolo precedenteCaratteristiche generali
Articolo successivoFiniture