Sistemi wireless

Autore testo:
M. Adami, A. Casadei, L. Stralanchi

Uno dei sistemi più usati e più affidabili per il trasporto di informazioni (dati, voce, video, ecc.) è la tecnologia wireless, senza fili, che avviene attraverso le onde radio. L'eliminazione di ogni collegamento fisico (cavi) si ottiene mediante due apparati, trasmettitore e ricevente, che comunicano attraverso onde radio dette portanti su cui letteralmente "viaggia" l'effettiva informazione, che a destinazione viene estratta dal sistema remoto di ricezione. Questo processo è chiamato "modulazione" della portante attraverso l'informazione. Il sistema ad onde radio avviene, nella maggiore parte dei casi, attraverso due sistemi e tecnologie di trasmissione: a banda stretta (narrow band) e a divisione di spettro (DSS o SST). La tecnologia Narrow Band (a banda stretta) funziona con il principio della comunicazione dei ricetrasmettitori, dove, da un 'range' di frequenze (tra i 430 MHz e i 470 MHz), si sceglie il canale di lavoro, ma per garantire la privacy e la sicurezza di trasmissione l'utilizzo di un canale è vincolato dal rilascio di una concessione di utilizzo della frequenza da parte dei principali enti predisposti (ETSI in Europa e FCC in America).
Per sistemi di domotica è quindi più indicata la divisione di spettro, poiché per utilizzi di importanza relativa non ha bisogno della previa concessione di licenza.
La divisione di spettro (spread spectrum) con la tecnologia SST (spread spectrum technology), nata durante la seconda guerra mondiale per codificare e criptare i messaggi delle comunicazioni degli Alleati, funziona su una unica banda di frequenza molto larga ma uguale per tutti (in Europa con una frequenza di 2.4 GHz e 100 mW di potenza). Il sistema per garantire la privacy e la sicurezza avviene con un processo di divisione "in pacchetti" dei dati che al momento della ricezione sarà 'ricostruito' dall'apparato di ricezione seguendo lo schema di un "codice di divisione" prestabilito. I due sistemi di codice sono principalmente il salto di frequenza (frequency hopping, hp) e a sequenza diretta (direct sequence, ds). Il più usato è il salto di frequenza che passa sequenzialmente da una frequenza all'altra con una specifica velocità di salto (hopping rate) in base ad uno schema aleatorio (random pattern). La sequenza diretta avviene invece modulando l'energia di trasmissione. Mediante i filtri e i nuovi codici di accesso il sistema wireless oggi è sempre più affidabile, e ha vantaggi soprattutto in termini economici rispetto ai sistemi cablati.
Il futuro tecnologico delle nostre case, uffici e scuole sempre di più si spinge verso una completa sinergia di tutti i diversi sistemi di trasmissione dati wireless, cablati e satellitari.

Sistemi senza fili

Sistemi senza fili

CONDIVIDI
Articolo precedenteCaratteristiche generali
Articolo successivoSistemi integrali