d'Architettura 24
ARCHITETTURA E PROFESSIONE
Architettura nel mercato italiano

interviste a Alberto Scotti (Technital S.p.A), Tiziano Bonisoli (FiatEngineering S.p.A.), Cristiano Frizzale (Tese S.p.A.)
a cura di Carlo Cappai, Maria Alessandra Segantini

   La progettazione di una parte sostanziale dei lavori pubblici italiani di una certa consistenza è oggi affidata alle società di ingegneria, ritenute spesso responsabili della cattiva qualità dell'architettura in Italia.

   Con il diffondersi capillare dei concorsi di progettazione l'argomento appare oggi in parte ridimensionato anche se i risultati evidenti di questo processo di valorizzazione della centralità del progetto di architettura avrà effetti riconoscibili sul piano della costruzione tra qualche anno.

   Una parte importante degli incarichi pubblici resta tuttavia gestita secondo le regole della Legge Merloni per mezzo di gare di affidamento di incarichi che valutano la dimensione aziendale della società, il numero degli addetti, la riduzione di costi e i tempi di produzione, prima della qualità architettonica del progetto. La questione che ci siamo posti è come poter incidere questo sistema normativo per ritrovare all'interno di questo rapporto uno spazio centrale rinnovato per il progetto di architettura...

CONDIVIDI
Articolo precedenteNuova sede SPW
Articolo successivoNumero 25