factory – In occasione del settantacinquennale del marchio finlandese il maestro del design ripropone il primo progetto di una provocatoria collezione del 1974.

Maestro del design italiano, dal tratto serio e provocatorio nel contempo, Enzo Mari è uno dei protagonisti della storia del disegno industriale in qualità di creativo e di pensatore critico. Autore di numerosi pezzi culto, a partire dai primi progetti per Danese negli anni Cinquanta, è padre di oltre duemila oggetti: tra questa messe di "figli" anche la mitica collezione Autoprogettazione del 1974, con cui Mari spingeva le persone ad appropriarsi fisicamente del progetto portando a compimento con le proprie mani la realizzazione di diversi pezzi di arredo.
Il marchio finlandese Artek in occasione del suo settantacinquennale (1935-2010) ha scelto proprio questa provocatoria collezione per inaugurare la collaborazione con Enzo Mari: la Sedia 1, primo progetto della famiglia di arredi, è infatti rientrata in produzione per l'azienda.
Ovviamente nel rispetto del concetto originario: si comprano solo semplici pezzi di legno di pino pre-tagliati, chiodi e istruzioni, poi si assembla tutto da soli.
Così, nell'interpretazione del pensiero di Enzo Mari secondo cui "il design è sempre educazione", Artek ha prodotto anche un documentario di venti minuti, presentato durante lo scorso Salone del mobile milanese alla Triennale in presenza dello stesso Mari: il quale spiega l'idea alla base del progetto della collezione Autoprogettazione.

scheda azienda

Nome: Artek oy ab

Indirizzo: Lemuntie 3-5 B

Città: Helsinki

Cap: 00510

Regione: Finlandia

Telefono: +358 (0)10 617 3470

e-mail: info@artek.fi

Web: www.artek.fi

CONDIVIDI
Articolo precedenteCorsi POLI.DESIGN
Articolo successivoThonet sale in auto