Carlo Fontana
Il Tempio Vaticano
di Giovanna Curcio

Il Tempio Vaticano, dunque, si propone come esaustivo manuale per l'architetto: le "regole" dettate da Fontana riguardano, infatti, i principi del linguaggio architettonico, riflessioni sulla storia dell'architettura, nozioni di statica e di ingegneria idraulica, gestione del cantiere, estimo e sistemi di misurazione, il disegno di architettura, la redazione del progetto. E altro ancora. È questa la prima consapevole sistematizzazione del sapere architettonico fondato sulle acquisizioni della grande esperienza seicentesca e in quanto tale presenta materiali di grande interesse sia per la storia della professione in Roma, sia per la più generale storia del ruolo e dell'idea di architettura nel passaggio tra Seicento e Settecento. Due fattori, in particolare, aprono al nuovo secolo: l'esplicita componente didattica è presupposto indispensabile per il successivo fiorire di una manualistica concepita in funzione delle scuole di architettura; il profilarsi, tra le righe, di una crisi della disciplina che, sotto la pressione delle nuove scienze, utilizzerà sempre più la storia come fondamento.
Electa presenta l'edizione completa dello straordinario volume di Carlo Fontana, nella collana Architettura e architetti classici, a cura di Giovanna Curcio. Oltre alla trascrizione del testo, i lettori troveranno nel libro le riproduzioni di tutte le tavole, tra le quali spiccano le magnifiche composizioni riguardanti il trasporto e il sollevamento dell'Obelisco vaticano, e una serie di saggi, di cui sono autori i più accreditati studiosi che si sono occupati della storia del Tempio, dalla fondazione in epoca romana, sino alle trasformazioni seicentesche. Oltre a Giovanna Curcio, tra gli autori dei saggi che nel volume precedono la trascrizione del testo e la riproduzione delle tavole, vi sono: Hellmut Hager, Filippo Coarelli, Arnaldo Bruschi, Christof Thoenes, Tod Marder, Sarah Mcphee, Sible de Blaauw, Filippo Camerota. legittimante la propria empiria.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIs Beijing a hamburger city?
Articolo successivoSommario