architettura – Copertura di legno lamellare ad opera di Habitat Legno e giochi ossimorici per un ambiente religioso fortemente espressivo.

La parrocchia dei Santi Pietro e Paolo a Follonica è relativamente recente (1960), in un quartiere nuovo e in forte espansione. In questi giorni è stato completato il complesso parrocchiale, con una bella chiesa e un campanile che, pur nuovi, sono già inclusi fra i monumenti da visitare, accanto alla chiesa di S. Leopoldo con il suo originale frontone di ghisa.

Del complesso parrocchiale approfondiamo qui la copertura della chiesa, interamente realizzata da Habitat Legno con legno lamellare su progetto di Marcello Giannini. La superficie coperta, di circa 800 mq, si imposta su una pianta rettangolare con un lieve accenno alla croce tradizionale, con un'ampia abside, se non fosse per un'ansa laterale che rompe la simmetria, in cui troverà sede il battistero.

L'impressione immediata è quella di essere all'interno di una grande nave: anche lo stemma cittadino è caratterizzato da una nave di legno, ma qui la citazione ha tutt'altro significato, alludendo alla nave della salvezza, che porta i fedeli verso l'approdo divino. Sia la pianta della chiesa, sia il suo aspetto esterno sembrano condurre ad una semplice geometria, ma lo spazio interno è molto più complesso, per la curvatura degli intradossi delle travi a doppia pendenza e per il cambio di pendenza del colmo della navata, che si alza in prossimità del transetto, dove le travi confluiscono generando un interessante punto focale sopra l'altare. E la curvatura dell'intradosso delle travi riporta alla memoria la cupola sopra la crociera.

La possibilità di curvatura del legno è stata intelligentemente impiegata, risolvendo sia problemi strutturali, sia architettonici. Le travi sono trattate e impregnate per la durabilità, ma non negano il colore chiaro dell'abete. Sullo stesso tono paglierino sono trattate anche le superfici murarie, e chiare sono le esili colonne che terminano con un interessante capitello su cui appoggiano le travi portanti.

Le vetrate sono tenuemente dipinte, con colori pastello e la luce - protagonista degli ambienti interni - le attraversa riflettendo sfumature nell'ambiente e immagini sulle pareti a seconda del tipo di luce, solare o notturna e artificiale (della piazza esterna).

L'effetto d'insieme è un chiarore diffuso, che, usando un ossimoro, si potrebbe quasi definire una penombra chiarissima. D'altra parte anche l'esterno si impone per uno strano gioco di colori chiari come il bianco, il giallino ed il verde del rame pre-ossidato, tinte a pastello che danno vita a una immagine dalla semplicità… complessa.


scheda azienda

Nome: Habitat Legno Spa

Indirizzo: Via G. Sora, 22

Città: Edolo

Cap: 25048

Provincia: BS

Regione: Lombardia

Telefono: 0364 773511

Fax: 0364 72449

e-mail: info@habitatlegno.it

Web: www.habitatlegno.it

CONDIVIDI
Articolo precedenteCase ed edifici di legno
Articolo successivoIl Museo sul fiume