d'Architettura
Concorsi in Italia
intervista a Franco Purini

a cura di Franco Puccetti

... Mentre in Italia
l'architettura si costruisce in base a meccanismi ancora speculativi, che fanno
riferimento in sostanza alla rendita fondiaria, in Inghilterra, in Germania e in
Francia, ad esempio, il costruire è inserito in un processo industriale avanzato
in cui l'oggetto architettonico deve presentare elevate qualità innovative che
partono dallo stesso contesto finanziario che è all'inizio del processo di
realizzazione per poi riguardare ogni aspetto della costruzione.

   Tuttavia quanto detto finora non giustifica la
progressiva marginalità dei progettisti italiani negli ultimi concorsi. Il
fenomeno al quale si assiste non è, tra l'altro, un prevalere in generale di
architetti stranieri, ma un affermarsi in particolare di protagonisti della
cultura inglese e francese, i primi sulla base di una consistente aggressività
sul fronte dell'innovazione tecnologica e formale, i secondi a partire da un
lucente smalto mediatico abilmente sovrapposto alle proposte progettuali.

   Per un verso, quindi, si assiste a un assecondamento
fin troppo condiscendente delle aspettative del pubblico rispetto a immagini del
futuro, immagini di sapore quasi cinematografico; nel secondo si constata il
ricorso a una retorica comunicativa che fa leva sul senso dell'appartenenza
collettiva a una sfera sofisticata del gusto in realtà preclusa ai più...

CONDIVIDI
Articolo precedenteNuova sede SPW
Articolo successivoNumero 25