impianti produttivi – Pineto, Abruzzo. Il progetto di un semplice edificio industriale è stato il pretesto per la creazione di una macchina scenica ispirato alla natura circostante.

In un contesto naturale tra i più belli d'Italia, all'interno di una zona industriale nelle vicinanze del fiume Vomaro, sorge una piccola realtà industriale che nonstante il suo aspetto semplice e pulito, nasconde un intervento sensibile alle tematiche ambientali. Il progetto architettonico dello studio Echomaterico compie una rilettura "cromatica" dell'intorno, diversificando matericamente i quattro fronti: alle diverse scene naturali della valle, ogni facciata risponde con una composizione che ad un primo sguardo esprime un superficiale studio formale, ma che ad un'analisi più approfondita denuncia una grande attenzione all'aspetto bioclimatico. Ad un fronte settentrionale in cemento armato a vista - che può sembrare una scelta stilistica fine a se stessa - corrisponde la necessità di dover resistere alle intemperie. Il fronte meridionale si presenta a sua volta più libero e caratterizzato dall'accostamento cromatico dell'intonaco bianco con le pannellature metalliche di colore scuro, che sono la tavola da disegno di un complesso sistema di aperture parametriche per il controllo della luce e del conseguente comfort interno. Sempre sul fronte meridionale si apre un portico costituito da una struttura metallica con orizzontamenti in legno, coperta con lastre in policarbonato alveolare con finitura opalina e trasparente, che fa da intermezzo tra l'ampia distesa naturale e l'interno dell'edificio. "Il fronte est contrasta le superfici opache dei pannelli scuri con quelle semi-trasparenti del policarbonato alveolare; quest'ultimo, colorato in massa o sulla sola faccia interna, riverbera con le tonalitá complementari della piana agricola. La dialettica tra le volumetrie del portico e le facciate instaura un rapporto vivo con l'ampio spazio della valle, registrando cosí le diversitá cromatiche delle stagioni, la prossimitá al bordo rurale e la piacevolezza delle vedute".
Grande importanza è stata data alla programmazione bioclimatica degli interni per un miglioramento sensibile del comfort interno mediante la "captazione del calore" attraverso la colorazione scura durante le stagioni fredde e lo studio di un'ottimizzata ventilazione durante il periodo estivo.

Guarda le fasi di cantiere


scheda progetto_MdM

Luogo: Zona Artigianale Torre San Rocco, Pineto, TE

Committente: EDIM Costruzioni Meccaniche di Di Marzio Alfredo, Oleificio Matalucci Ortenzia

Progettista: ing. Berardo Matalucci

Partner: ing. Alfonso Pezzi

Impresa di costruzione: Edilvanni s.n.c. di Raffaele Vanni & Co.

Fotografo: Francesco Astolfi Photographer | eFFeA Ph Studio

Tempi progetto: 2008

Tempi di realizzazione: 2010

Superficie costruita mq: 1340

CONDIVIDI
Articolo precedenteCinema ready-made
Articolo successivoDomus Restauro e Conservazione