mostra – La sede milanese del Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci di Prato inaugura l'apertura con una mostra di NIO Architecten, autore dell'ampliamento in fieri del museo toscano.

Mentre a Prato si è aperto il cantiere per l'ampliamento del Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci, a firma di NIO Architecten, a Milano è stata inaugurata la nuova sede distaccata. A dare il via una installazione dell'architetto Maurice Nio, progettista dell'ampliamento stesso del museo toscano (che aprirà al pubblico nel 2012).

Nello spazio ricavato in un edificio di archeologia industriale sui Navigli, concepito come una sorta di vetrina per promuovere le attività della sede principale – una dépendance che ospiterà mostre, conferenze, presentazioni di progetti editoriali e parte della ampia collezione d'arte contemporanea di Prato - Nio ha installato Dark Matter, scultura nera di poliestere, lunga 17 metri, rappresentante otto animali intrecciati tra loro. Un elemento riflettente d'acciaio, a una delle estremità, ne riflette l'immagine, oltre a presentare dodici video-stream di animali, registrati in presa diretta da webcam posizionate in diversi luoghi esotici.

Un'opera, questa dell’architetto olandese, che riporta l'approccio artistico del suo lavorare, particolarmente leggibile anche nelle realizzazioni d'architettura, a partire dalla tesi di laurea alla University of Technology di Delft, con il progetto di una singolare villa per Michael Jackson, sino all'ampliamento del Centro Pecci. "Dare forma all'incomprensibile, ad un linguaggio che intuiamo ma non riusciamo a decodificare": questo l'obiettivo della ricerca di Nio, interessato a sperimentare il mix tra discipline diverse e a recepirne gli stimoli. Input che anche la torre zigzagante del Centro di Prato intende catturare, quale "sensore" del museo pronto a ricevere le sollecitazioni culturali provenienti dall'esterno e a diffondere le proprie.

Appuntamento
Museo Pecci Milano
15 aprile – 19 giugno 2010
Ripa di Porta Ticinese 113
Milano
Orari: mercoledì, giovedì, venerdì dalle ore 17,00 alle 21,00

scarica la locandina

Scarica il file:
DARK MATTER .pdf

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa sicurezza nei cantieri
Articolo successivoLa mano del designer