Facciate continue

Autore testo: Giovanna Moraglia

Il progetto di norma EN 13830 "Curtain walling - Product standard" definisce la facciata continua come: una chiusura esterna verticale costituita da una ossatura realizzata principalmente in metallo, PVC o legno. Normalmente essa è costituita da un reticolo di elementi portanti verticolai ed orizzontali tra di loro connessi ed ancorati alla stuttura dell'edificio, al fine di sostenere un rivestimento di facciata continuo e leggero che ha il compito di garantire tutte le funzione tipiche di una parete perimetrale esterna comprese la resistenza agli agenti atmosferici, la sicurezza nell'uso, la sicurezza ed il controllo ambientale, ma che comunque non contribuisce alle caratteristiche portanti della struttura dell'edificio.

Dalla definizione di cui sopra si evincono alcuni elementi essenziali per la comprensione del concetto di "facciata continua", in particolare:
- è sempre possibile individuare una ossatura che si configura come la struttura della facciata;
- la struttura della facciata si conforma come un reticolo strutturale;
- la facciata non collabora con la struttura dell'edificio nel suo complesso, quindi risulta essere esclusivamente autoportante;
- la facciata continua deve soddisfare tutti i requisiti richiesti per le chiusure esterne (UNI 7959).

Oggi, l'evoluzione tecnologica nel settore della serramentistica, ed in particolare nelle tecnologie di produzione del vetro, permettono al progettista di intendere l'involucro edilizio non più come una rigida barriera di separazione tra interno ed esterno, ma come un filtro dinamico in grado di rispondere correttamente alle esigenze di benessere e di risparmio energetico in funzione delle sollecitazioni interne ed esterne.

L'uso della facciata continua o courtin wall impone però la risoluzione di numerosi problemi:
- tenuta all'acqua ed all'aria e mantenimento nel tempo delle prestazioni
- attenzione nella valutazione delle dispersioni termiche e dell'effetto serra, per un corretto dimensionamento degli impianti di climatizzazione
- comfort acustico (l'utilizzo di vetri stratificanti ne aumenta il potere fonoisolante)
- prevedere dei dispositivi di accesso alle superfici vetrate esterne, per le periodiche operazioni di pulizia

Elemento fondamentale nelle facciate continue è la superficie vetrata.
Nei primi esempi di curtain wall furono impiegate vetri completamente trasparenti, con conseguenti problemi per la schermatura dalla radiazione solare, per l'isolamento termico e acustico e per la privacy. Questi inconvenienti furono superati, successivamente, con l'introduzione dei vetri speciali a prestazioni selettive o riflettenti, che consentono di realizzare grandi involucri come "scatole di cristallo", nonché con l'introduzione di elementi opachi, alternati alle superfici trasparenti.

Esistono molte tipologie di facciate continue.
La facciata continua classica ha una struttura composta da montanti verticali e traversi orizzontali, ai quali vengono appoggiati i vetri, che poi saranno bloccati dall'esterno con un profilo chiamato spessore. Un altro tipo di facciata continua è quella strutturale, sempre con reticolo interno formato da montanti e traversi, ma in questo il profilo di alluminio aggancia solamente il vetro interno, al quale viene incollato il vetro esterno, mediante l'impiego di un materiale chiamato sigillante strutturale.
Quella a doppio involucro è un tipo di facciata che prevede la costruzione, di fronte alla facciata dell'edificio, sia essa in muratura con porte e finestre o in facciata continua tradizionale, una seconda facciata, o 'pelle', in vetro, ventilata. Le facciate ventilate consentono un miglior controllo delle condizioni interne, sia nei mesi estivi che in quelli invernali. Le facciate ventilate trasparenti o a doppio involucro si possono considerare un'evoluzione delle facciate vetrate tradizionali, essendo costituite da una barriera interna ed una esterna, separate da un'intercapedine d'aria.
Ci sono infine le facciate sospese a trasparenza totale o a fissaggio puntuale, in cui le lastre  vetrate sono sostenute da particolari bulloni a testa piatta, detti ragni, collegati a sostegni in grado di scaricare alla struttura le sollecitazioni e le facciate fotovoltaiche, che hanno la proprietà di assorbire i raggi solari e trasformarli in energia elettrica da utilizzare sul posto, utilizzando al posto dei vetri camera da facciata, pannelli composti da celle fotovoltaiche.

La grande diffusione dell'utilizzo delle facciate continue è stata resa possibile anche grazie all'avanzamento tecnologico degli adesivi sigillanti strutturali, con particolare attenzione nella fase progettuale dei giunti. Il successo di tali studi ha permesso di produrre Curtain Wall con nuove caratteristiche di comfort, risparmio energetico e sicurezza.

Vai a Prodotti Vetrari
Vai a Facciate Ventilate

Vai a Sigillanti Strutturali

Clicca per approfondire
Facciate Strutturali
Facciate Fotovoltaiche

CONDIVIDI
Articolo precedenteLucernari tubolari
Articolo successivoFacciate strutturali