mostre – La prima manifestazione del programma è la mostra "I bambini disegnano la città", attraverso la quale i più piccoli esprimono come vorrebbero venissero migliorati i loro quartieri e che rimarrà esposta fino al 31 maggio

Con questa iniziativa la FRC intende proseguire nella propria missione culturale, favorendo la riunione di coloro che si dedicano quotidianamente alla città e che condividono la convinzione che Milano disponga di un patrimonio umano di grande valore che può convergere in energie capaci di contribuire in modo straordinario al futuro della città. Questo percorso segue alcune iniziative realizzate con lo stesso spirito tra le quali “La Panchina di Milano”, che ha visto la partecipazione di 7 designer impegnati nella realizzazione del prototipo della nuova panchina meneghina poi votata da oltre 70.000 cittadini, e “Il Giardino dei Diritti dei Bambini”, a cui hanno partecipato architetti e designer che hanno realizzato giochi all'aperto pensati per tutti i bambini, con un'attenzione particolare ai piccoli con disfunzioni motorie.

La Fondazione Riccardo Catella promuove così una collaborazione tra le forze del mondo non profit, Regione Lombardia, Provincia e Comune di Milano e settore privato per dare un contributo al miglioramento della qualità urbana dei quartieri di Milano. Ogni anno, a partire dal 2009, verranno realizzate iniziative civiche nei quartieri della città, selezionandole tra quelle suggerite dai cittadini e dalle associazioni di zona.
Il programma “I Progetti della Gente”, sviluppato in collaborazione con Assolombarda, Fondazione Cariplo, La Triennale e Legambiente, nasce con l'obiettivo di mettere la persona al centro delle riflessioni e dei progetti sulla città e di mobilitare la società civile e gli enti non profit nel fornire un contributo concreto all'Amministrazione Pubblica.
Il progetto, il cui sviluppo è previsto fino al 2016, interesserà singole zone amministrative della città scelte tra tutte quelle proposte direttamente dai cittadini durante momenti pubblici di ascolto organizzati in ciascun quartiere grazie al supporto dell'Amministrazione Comunale.

Un'apposita Commissione di valutazione dei Progetti della Gente, composta dai membri del Comitato scientifico della Fondazione Catella e da rappresentanti dell'Amministrazione Pubblica e dei Partner del progetto, procederà ogni anno alla selezione dell'iniziativa da realizzare. La scelta verrà effettuata in base a criteri di fattibilità tecnica - i progetti devono tenere conto dei vincoli esistenti per la realizzazione di opere pubbliche - ed economica ovvero la valutazione della creatività della proposta dovrà tenere conto anche di un'ottica di ottimizzazione del rapporto costibenefici.
Ogni anno, a primavera, verrà pubblicamente presentato l'intervento realizzato l'anno precedente e annunciato quello da realizzare l'anno successivo.

“I Progetti della Gente” vengono avviati con un primo evento dedicato proprio ai bambini di alcune scuole di Milano ai quali la Fondazione ha chiesto di rappresentare come vorrebbero fossero migliorati i loro quartieri. I disegni, stampati su pellicole di dimensione 2x4 m, sono oggetto di una mostra “a cielo aperto” esposta lungo le cesate dei cantieri dell'area di Porta Nuova che sarà esposta fino al 31 maggio 2009. La mostra anima la città di orti, piste ciclabili, fontane e campi da calcio, teatri all'aperto e circhi, e così i bambini di oggi ci raccontano come vorrebbero migliorare la qualità urbana della Milano che domani vivranno come adulti: a noi saperli ascoltare e trasformare i loro suggerimenti in realtà.

Il primo dei progetti che sarà realizzato entro il 2009 nella Zona Amministrativa 9, all'interno della quale la Fondazione Riccardo Catella ha la propria sede prevede la ricollocazione del Monumento ai Caduti dell'Isola, opera dello scultore Carlo Ramous, da via Sassetti angolo M. Gioia a un'area verde al centro di Piazzale Segrino. La ricollocazione nasce dalla richiesta avanzata dagli abitanti del quartiere Isola al fine di trovare una più consona posizione alla scultura, a cui il quartiere è molto legato, alla luce dei lavori in corso nella zona dove è attualmente posizionato. L'intervento prevede la rimozione ed il successivo riposizionamento del Monumento nonché la sistemazione dell'area verde nella quale il Monumento sarà collocato con anche la realizzazione di un'idonea pavimentazione di accesso in previsione degli eventi di commemorazione che ogni anno vengono organizzati nel quartiere.

Scuole e classi Mostra “I bambini disegnano la città”

Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni - Officine Scuola Media Puecher
Via Castellino Da Castello, 9
Classi:
1°A: 6 disegni; 1°C: 8 disegni; 2°A: 7 disegni; 2°B: 11 disegni; 3°A: 3 disegni; 3°B: 9 disegni

Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni - Scuola Elementare
Via Castellino Da Castello, 10
Classi:
3°A: 4 disegni; 3°B: 7 disegni; 3°D: 7 disegni

Istituto Comprensivo Statale "Jacopo Barozzi" - Plesso di Via Bocconi, 17
Via Bocconi, 17
Classi:
4° A - B - C - D: Tot. 41 disegni

Istituto Comprensivo Statale "Jacopo Barozzi" - Plesso Giulio Romano
Classi:
5°A - B: Tot. 12 disegni

Scuola Elementare Foppette
Via Foppette, 1
Classe:
4°B: 18 disegni + 1 fotografia

Scuola Elementare Bacone
Via Matteucci, 3
Classi:
4°D: 20 disegni; 3° E: 17 disegni

Scuola Elementare Montessori
Via Milazzo, 9
Classe:
5°: 13 fotografie

Per informazioni
Fondazione Riccardo Catella
tel. 0245475195
info@fondazionericcardocatella.org

www.fondazionericcardocatella.org

CONDIVIDI
Articolo precedenteResidenza Annamaria
Articolo successivoArchitetture dell’assurdo