evento – La rivista Interni anche quest'anno durante il FuoriSalone promuove una grande mostra, ospitata nei suggestivi cortili dell'Università Statale di Milano.

Think tank nel mondo anglosassone significa "incubatore, una piattaforma - secondo il sociologo Francesco Morace - in cui si condividono dei temi: politica sociale, strategia, economia, scienza e tecnologia". Un termine denso di contenuti, che la rivista Interni ha scelto come titolo al suo consueto appuntamento durante le giornate del Salone del mobile di Milano: una grande mostra, questa volta non diffusa nello spazio urbano ma concentrata in un luogo altrettanto denso di significati come i cortili dell'Università degli Studi del capoluogo lombardo.

La mostra vede l'apporto di un nutrito numero di progettisti di provenienza e formazione diverse - da Philippe Starck a Jaime Hayon, da Jean-Michel Wilmotte a Jacopo Foggini, da Daniel Libeskind a Matteo Thun, da Kengo Kuma a Paola Navone, solo per citarne alcuni - chiamati a dare vita a una serie di installazioni di stampo sperimentale e visionario che, grazie anche al supporto tecnico-esecutivo di aziende attive con successo nel settore del design o dell'architettura, possano offrire un ventaglio delle molteplici sfaccettature del tema suggerito.

Inoltre, il percorso espositivo è punteggiato da Design Island, piccoli ambienti raccolti in cui vengono presentati prototipi inediti e prodotti recenti di marchi dell'arredamento sia made in Italy sia internazionali, allestiti sempre da progettisti (Mauricio Cardenas, Sebastian Wrong e Richard Woods, Giulio Iacchetti, 5+1AA...).

Un vero e proprio laboratorio a cielo aperto di idee per il progetto di domani. Una riflessione sul bisogno di rinnovamento e sui mutamenti dei valori del progetto del prossimo futuro. Un momento di verifica sulla condizione contemporanea in cui la globalizzazione comincia a richiedere la valorizzazione di realtà locali, dove l'approccio alla cultura del progetto sostenibile si configura come un tema di sopravvivenza più che un fatto stilistico e compositivo, e dove il design - e il sistema produttivo che lo sostiene - può contribuire a definire nuovi innovativi scenari nel paesaggio domestico e collettivo.

Alla mostra è presente anche una installazione di Italo Rota che riassume in chiave simbolica il tema dell'Expo 2015 Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita: una "microarchitettura parlante" fortemente evocativa, utile anche come palco per brevi conferenze o incontri.

E per l'occasione laRinascente in piazza del Duomo lascerà otto delle sue vetrine ad altrettanti designer, che le trasformeranno in un tributo alla creatività del progetto.

Appuntamento
Interni Think Tank

Università degli Studi di Milano
via Festa del Perdono 7
Milano

Concerto live
14 aprile 2010, dalle ore 20.00
Orari di apertura 13-18 aprile, dalle ore 9.00 alle ore 24.00
19-25 aprile, dalle ore 9.00 alle ore 20.00

Vetrine laRinascente
piazza Duomo
Milano
dal 14 aprile 2010


CONDIVIDI
Articolo precedenteTender rain® by Ergon
Articolo successivoVentura Lambrate/2