Testo a cura di Alessandra Coppa

Luca Casini designer
Testo a cura di Alessandra Coppa

Vedi la SCHEDA ARCHITETTO

Il percorso creativo di Luca Casini è caratterizzato da un approccio
sostanzialmente eclettico, in cui la sperimentazione diventa un accento, lieve
ma deciso, di una base progettuale più rigorosa a matrice minimalista. Dalle
geometrie logiche ed essenziali che costituiscono la base del suoi progetti, in
cui spesso la forma gioca con la funzione, si svolgono profili più morbidi e
sinuosi, sintesi di grande armonia ed equilibrio; dalla pura invenzione
funzionale e tecnica si arriva fino alla pungente ironia di alcune delle sue
opere grafiche. Il lavoro di Luca Casini risulta, infine, estremamente
eterogeneo, articolato sì in relazione alla varietà dei prodotti trattati, ma in
cui, per una precisa volontà dichiarata, è sempre possibile percepire un ordine
strutturale chiaro e coerente. La sua è una continua ricerca volta ad epurare e
filtrare, attraverso un percorso mai banale, le molteplici complessità e
ricchezze del mondo contemporaneo.

Lift per Elica, 2003
Lift è una cappa sospesa con
aspirazione perimetrale e illuminazione centrale ideata per Elica nel 2003. Il
corpo elegante dell'acciaio inossidabile ha una finitura superficiale spazzolata
ed è sospeso da tre cavi di metallo. Il telecomando conico è come una piccola
icona della cappa da cucina.
Lift dice Casini "dà un'importante connotazione
formale alla cucina, la nobilita e le conferisce carattere; tuttavia è un
oggetto che deve integrarsi e convivere con gli altri elementi dell'ambiente...
ho pensato ad una cappa fluttuante, leggera come l'aria che aspira, una
geometria pura con superfici riflettenti per renderla protagonista forte e
discreta della cucina ideale."
www.elica.com

Mensole Babila per Fiam Italia,
2003

Il sistema di mensole Babila in cristallo curvato è
caratterizzato da tre moduli componibili.
La mensola in cristallo float da 10
mm curvato è disponibile in tre forme liberamente componibili. Il reggimensola è
in metallo pressofuso cromato. Tre moduli differenti in vetro curvo possono
essere uniti per combinare una composizione infinita, in cui l'utente finale
diventa il progettista. Una volta vestito dagli oggetti, soltanto il profilo
sottile della mensola è visibile ed i libri sembrano galleggianti
nell'aria.
www.fiamitalia.it

Sonic, posate per WMF, 2004
Le posate Sonic disegnate per
WMF da Luca Casini e da Jacob Pringiers, hanno ricevuto il premio DESIGNPLUS e
sono esposte al museo delle arti applicate a Francoforte.
Il design è
caratterizzato da un segno sofisticato solo all'apparenza superficiale.
www.wmf.de

Planet e Madison per Olivari, 2004
Le maniglie Planet,
caratterizzate dal design minimalista e classico, disponibili in monofinitura o
in doppia finltura, sono state prodotte da Olivari nel 2004.
Madison invece
combina in modo equilibrato il volume semplice statico e il segno dinamico
elegante.
www.olivari.it

Tavolini T2 e T3 per SpHaus, 2004-2005
T2, 2004, dim. 140
x 75, h 31 cm è un coffee table composto da due elementi ad L di altezza diverse
combinabili e sovrapponibili. Il piano da 6 mm è in MDF stratificato a sandwich
e laccato nei colori in catalogo. Il telaio, in tondino d'acciaio, è verniciato
in polvere in tinta con il piano.
T3 progettato nel 2004 dim. 92 x 92, h. 30
cm è un tavolino in vetro colorato stratificato, cristallo trasparente o in MDF
rinforzato con due lastre di alluminio e laccato e il telaio è in acciaio
cromato o in acciaio verniciato epossidico in vari colori.
www.sphaus.com

Poltrona Touch per Arcade Avec, 2005
La poltrona Touch
presenta una struttura metallica cromata e un tessuto in cotone bouclet tramato
a mano.
www.arcadeavec.com

Folle, gancio per cappotto, 2004

Vaso Chouchou per Ritzenhoff, 2004

Lift Mensole Babila Sonic Planet Madison
T2 Touch Touch Folle Chouchou

CONDIVIDI
Articolo precedenteSistema 2000
Articolo successivoCeschia & Mentil Architetti Associati