Monomateria

Testo di Raffaella Razzano

Complice la ricerca di soluzioni ecologiche e/o il minimalismo portato ai suoi estremi, alcune aziende hanno scelto la strada della monomateria, puntando su materiali già ampiamente utilizzati in altri ambiti che solo oggi trovano impiego al 100% anche in cucina. Gabriele Centazzo per Valcucine, ad esempio, ha scelto il vetro, per la prima volta utilizzato anche per realizzare la struttura delle basi. Più snella e formalmente molto pulita, la nuova struttura è stata progettata per eliminare il raddoppio dei fianchi, anch'essi in vetro, come pure in vetro sono i piani di lavoro e le ante, che possono essere personalizzate con disegno ad intarsio. Sempre il vetro è stato scelto per completare la gamma di materiali -carbonio, l'alluminio, l'acciaio, il laminato stratificato- già utilizzati da Valcucine  per la rivoluzionaria anta con telaio in alluminio Riciclantica, la prima la mondo con spessore di 2 mm. L'uso esclusivo del vetro garantisce la totale riciclabilità del blocco, l'eliminazione di emissioni tossiche, nonché un'assoluta resistenza all'acqua, al vapore e al calore. Convinto seguace del minimalismo estremo, Alberto Minotti di Minotti Cucine, ha voluto sperimentare per la sua ultima creazione Uni la matericità tecnologica delle lastre in gres porcellanato della collezione omonima proposta da Iris Ceramica, e interpretate per Minotti da Duccio Grassi. Il risultato sono dei blocchi autoportanti dove l'operatività della cottura o del lavaggio sono "annegati" nella materia, lastre da 60x60 cm o da 60x30, che viene utilizzata per i fianchi  e per il piano.
Proposta nel contesto più dinamico del fuori salone, la cucina Concrete di Comprex è stata realizzata impiegando al 100% un cemento di nuova concezione che ricopre interamente la struttura. Il materiale cementizio - tutto minerale privo di resine - è stato messo a punto da Lafarge, una delle più grande aziende  al mondo nel settore dei cementi, e promosso nel settore arredamento da Cinzia Palazzetti e Gigi Rossi - dal 2006 titolari de Il Cantiere, azienda nata appositamente per sviluppare nuove applicazioni di questo materiale che ha una resistenza alla compressione fino a 6 volte superiore e una resistenza alla flessione fino a 8 volte superiore. La sua granulometria molto fine permette, inoltre, di leggere e riprodurre qualsiasi texture e stampo. Tutto ciò ha permesso di ridurre gli spessori e di conseguenza il peso e la quantità di materia prima utilizzata.

Riciclantica, Valcucine, Gabriele Centazzo Riciclantica, Valcucine, Gabriele Centazzo Uni, Minotti Cucine, Alberto Mintoti e Duccio Grassi Concrete, Comprex, design ufficio progetti interno

CONDIVIDI
Articolo precedenteCucina a scomparsa
Articolo successivoAntonio Lupi Design