musei – L'ex convitto I.P.S.I.A.M. sull'Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia, è stato trasformato per ospitare le nuove sale espositive della Fondazione Giorgio Cini Onlus.

Il programma funzionale dell'edificio, che ospita i nuovi spazi espositivi della Fondazione Giorgio Cini prevede la possibilità di avere spazi modulabili, in modo da ospitare manifestazioni sulla totalità dello spazio oppure solo su una parte, magari con esposizioni diverse ma contemporanee. La richiesta, inoltre, era per una certa varietà di spazi, ampi o raccolti, per assecondare le più diverse esigenze di allestimento. Il nuovo impianto distributivo è incentrato sul nucleo che ospita i servizi di accoglienza e attorno al quale si sviluppa un percorso ad anello, che comprende anche il piano superiore, consentendo l'uso modulare dello spazio come richiesto dal programma funzionale.
Sono state realizzate due grandi sale espositive a doppia altezza e due più basse al piano terra e sottotetto, oltre ai locali per i magazzini e gli impianti. Il progetto recupera il rapporto dell'edificio con la darsena, sono state ripristinate le porte con nuovi serramenti, lasciando sostanzialmente immutato il prospetto. Il nuovo atrio è stato realizzato con l'intento di mantenere la sensazione di monumentalità dell'edificio che il grande fronte nord comunica al visitatore, per questo è stata rimossa una porzione del solaio in modo tale da ottenere un atrio a doppia altezza. La circolazione ad anello richiedeva la realizzazione di una nuova scala, che è stata posizionata nella grande sala sul lato est. La seconda scala, di misura più contenuta, è stata costruita sovrapposta ad una esistente non più utilizzabile. Al piano sottotetto sono stati recuperati due pozzi luce, risultanti dall'intersezione tra il solaio del 1954 e le finestre poste sulla facciata monumentale. L'intervento consente non solo di portare luce naturale nel locale, ma anche di capire le trasformazioni dell'edificio, mettendo in evidenza il conflitto tra solaio e finestra. I pannelli espositivi, come tutte le altre parti in metallo a vista, hanno finitura superficiale a ruggine frenata.



Scheda progetto

luogo: Venezia - Isola di San Giorgio Maggiore

cliente: Fondazione Giorgio Cini onlus

progetto architettonico: Arch. Fabrizio Cattaruzza con Arch. Francesco Millosevich

progetto ingegneristico: Arch. Adriano Lagrecacolonna (progetto impianti)

partner: Arch. Fabrizio Cattaruzza (direzione artistica)

coordinatore lavori: Ing. Agostino Croff (D.L.)

impresa di costruzione: Costruzioni e Restauri G. Salmistratri Srl, Catelan, Costruzioni Srl, Errico Costruzioni, S. Polo, 3086 - 30125 Venezia tel. 041 719588, Castello, 5526 - 30122 Venezia tel. 041 5203234, S. Polo, 530 - 30125 Venezia tel. 041 8105705

tempi di progettazione: dicembre 2005 - aprile 2007

tempi di realizzazione: 24/07/2007 - 30/03/2008

superficie costruita mq: Sup. coperta: 1.685 mq; Sup. complessiva: 2.095 mq

Scheda studio

Nome: Arch. Fabrizio Cattaruzza

Indirizzo: Via Manin, 119

Città: Mestre (Venezia)

Telefono: 041 940273

Fax: 041 940273

E-mail: f.cattaruzza@cm-architetti.it

Web: http://europaconcorsi.com/search?q=cattaruzza

CONDIVIDI
Articolo precedenteOld House di Kengo Kuma
Articolo successivoArchinfo.it su XClima Europe