concorso/mostra – La prima edizione del Compasso di Latta Un concorso, una mostra, una serie di workshop nel segno del design "ultrapoverissimo". Da un'idea di Alessandro Guerriero e Riccardo Dalisi.

"Nel momento attuale di recessione e di conseguente mutamento di ogni prospettiva economica, sociale e culturale, il Compasso di Latta vuole porre l'accento sul bisogno rinnovato di invenzioni, di progetti, di procedimenti e tecniche nel settore artigianale delle piccolissime serie, delle iniziative embrionali, organizzative, micro-produttive con chiara finalità sociale, a volte anche alternative all'uso di procedimenti meccanici, e nel settore industriale, finalmente orientato alla sostenibilità." Così si legge nel Manifesto del Compasso di Latta di Riccardo Dalisi, che con Alessandro Guerriero ha dato vita alla prima edizione di un progetto che è nel contempo mostra, concorso, workshop.

Design "ultrapoverissimo" - simbolicamente rappresentato dai piccoli compassi di latta disegnati dallo stesso Dalisi e scelti quale logo della manifestazione in contrapposizione con il più tradizionale e "ricco" Compasso d'Oro -, che viene ospitato negli spazi della Triennale Bovisa fino a fine maggio e raccontato attraverso sei originali collezioni di oggetti quotidiani: dalle mollette di Gad Charny, Yoav Ziv, Yaacov Kaufman alle biglie di Alessandro Guerriero o alle originali macchine di Enea Bracciali.

Abbinati alla mostra un concorso internazionale e una serie di workshop aperti a tutti, ispirati a parole chiave del Manifesto. Il primo intende scandagliare i progetti che meglio interpretano e rispondono alle linee guida dello stesso manifesto: un gruppo di advisor (architetti, designer, docenti universitari, curatori, critici, blogger, musicisti, artisti ...) sceglieranno le idee più interessanti, sottoposte anche dal grande pubblico attraverso il sito del Compasso.
I workshop invece - una trentina, in calendario ogni fine settimana sino al termine del mese di maggio - traggono linfa dai termini invenzione, mutamento, artigianale, microproduzione, sostenibilità, sperimentazione, teatro, azione, per dare vita a un unico grande laboratorio "da visitare, toccare, testare, sperimentare", grazie anche all'esposizione in tempo reale delle diverse collezioni di oggetti sostenibili create dai partecipanti con la guida di designer e progettisti delle più famose scuole di progetto internazionali.

Compasso di Latta
14 aprile - 30 maggio 2010
Triennale Bovisa
via Lambruschini 31
Milano

Orari: dal 14 al 19 aprile dalle ore 11.00 alle 22.00, dal 20 aprile sabato e domenica dalle ore 11.00 alle 21.00




CONDIVIDI
Articolo precedenteSkateboarder in un ex-cinema
Articolo successivoPelle+