Scale prefabbricate

Testo di Aldo Polmonari

Sia la prefabbricazione totale che quella parziale devono sottostare alle
seguenti condizioni essenziali:
- la scala deve essere formata dal
minor numero di componenti possibile;
- i vari componenti
devono poter essere montati, nei limiti del possibile, senza necessità
di casseri
o di ulteriore manodopera per finitura in
cantiere;
- deve poter essere posta in opera in tempo utile
per assicurare la circolazione verticale del personale addetto al cantiere e dei
materiali;
- deve essere resistente all'usura di cantiere in
modo da poter essere consegnata in condizioni perfette.

Una scala
prefabbricata esclusivamente ad uso privato può essere progettata con
un'alzata di cm 20 ed una pedata di cm 25 e
consente di salire a m 3 con 15 passi. Considerando la formula
ergonomica 2a + p = 63-65, una scala prefabbricata può arrivare al parametro 65 con un ingombro minore rispetto ad
una rampa rettilinea: quest'ultima infatti occuperà circa mq 4.6 di superficie
contro i mq 3.1 della scala prefabbricata.
Le scale prefabbricate possono
essere in metallo, in calcestruzzo,
modulari (scale a giorno) o a scomparsa
(retrattili).

Per approfondire
Scale prefabbricate in
metallo

Scale prefabbricate in cls
Scale prefabbricate
modulari

Fonte testo
G.Aloi, Scale.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCaratteristiche generali
Articolo successivoAscensori