Sean O'Casey Bridge

Cyril O'Neill (Brian O'Halloran Associates)

La Dublin Docklands Development Authority, nell'ambito di un ampio piano di riqualificazione urbana dell'area dei Docklands, nel 2002 ha promosso un concorso internazionale per realizzare un ponte pedonale a est del pre-esistente Matt Talbot Bridge che mettesse in collegamento diretto l'area dei Grand Canal Docks a sud con l'International Financial Services Centre (IFSC), il distretto finanziario della città, a nord.
Il progetto venne affidato allo studio Brian O'Halloran Associates che ha realizzato un ponte a tre campate con una struttura di centine a sbalzo che sembra ispirarsi alle forme dei classici accessi marittimi delle città costiere. Il ponte è apribile nel settore centrale permettendo così alle navi di poter accedere direttamente al centro della capitale irlandese. La forma e la disposizione delle strutture in acciaio dà un aspetto leggero ed elegante, oltre a permettere di risolvere problemi strutturali e dinamici che questo tipo di infrastruttura comporta. Il segmento centrale ha una lunghezza di circa 44 metri e si divide in due parti che rotando lungo il piano sui due piloni portanti permette un'apertura di circa 33 metri.
La costruzione del ponte, collocato sul posto nell'aprile del 2005, è stato un autentico affare internazionale che ha visto coinvolti specialisti, aziende e subappaltatori da Inghilterra, Polonia, Francia, Germania, Danimarca, Slovacchia e Cina ed è stato il terzo ponte realizzato a Dublino in soli cinque anni, dopo il Millennium Bridge nel 1999 e il James Joyce Bridge nel 2003, secondo il processo di risistemazione delle banchine lungo il fiume Liffey che ha consentito una maggiore apertura delle aree ex industriali alla cittadinanza.
Il Sean O'Casey Bridge ha vinto il premio come miglior ponte pedonale dell'International IStructE Awards assegnato dal UK's Institute of Structural Engineers.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIrish Times (ex Liffey House)
Articolo successivoRiverside One