mostra – Alla Triennale Bovisa, dal 5 al 28 novembre 2010, la mostra presentata a Venezia in occasione della Biennale di Architettura.

Progetto fotografico sulle conseguenze del sisma che ha colpito L'Aquila e il suo territorio, sviluppato dall'associazione fuori_vista nel corso di un anno, la mostra Sismycity presenta cinquanta fotografie - introdotte da una composizione di 800 immagini che costituisce una mappatura completa della "zona rossa", strada per strada – capaci di presentare crudamente quello che è stato. E quelli che sono "elementi costitutivi di una 'città': il nesso profondo tra il costruire e l'abitare, il sistema di relazioni tra identità individuale e collettiva, il bene comune su cui si fonda l'agire civico".

Appuntamento collaterale presentato al pubblico in occasione della 12.Mostra Internazionale di Architettura, l'esposizione ora ospitata da Triennale Bovisa riporta le diverse interpretazioni personali dei fotografi che hanno partecipato al progetto, con una campagna fotografica sviluppata nell'arco di un anno di lavoro a stretto contatto con gli abitanti e le istituzioni de L'Aquila.
L'associazione fuori_vista ha inoltre organizzato parallelamente una campagna di raccolta dati volta a quantificare l'entità dei danni materiali, degli sforzi attuati per fronteggiare l'emergenza, dell'impatto sociale dell'evento sismico e dell'opera di ricostruzione, con l'obiettivo di una ampia riflessione sulle problematiche della ricostruzione. Nel segno della Convenzione Europea del Paesaggio che si impegna a "riconoscere giuridicamente il paesaggio in quanto componente essenziale del contesto di vita delle popolazioni, espressione della diversità del loro comune patrimonio culturale e naturale e fondamento della loro identità".

Approfondimento
SISMICITY. L'Aquila 2010
5 -28 novembre 2010
Triennale Bovisa
via R. Lambruschini 31
Milano
Orari: dal martedì alla domenica dalle ore 11.00 alle 21.00, giovedì dalle ore 11.00 alle 23.00, lunedì chiuso
www.triennale.org

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa tutela negata
Articolo successivoSopra il Sotto