iniziativa – Le foreste europee crescono di un'area pari a 1.5 milioni di campi da calcio ogni anno. Arriva la campagna istituzionale che promuove l'utilizzo della carta in funzione della gestione sostenibile delle foreste.

È partita la campagna informativa "TWOSIDES - Il lato verde della carta", un'iniziativa della filiera italiana della
comunicazione su carta che punta a sfatare logori luoghi comuni, che vedono la carta come sinonimo di deforestazione e
inquinamento, presso il grande pubblico e in particolare il target giovani. L'iniziativa dimostra, con dati
riconosciuti da enti scientifici accreditati a livello globale, che la carta non distrugge le foreste anzi
contribuisce alla loro gestione sostenibile grazie all'impegno di tutta la filiera della produzione e della
comunicazione su carta. Così le foreste europee crescono di un'area pari a 1,5 milioni di campi da calcio ogni anno
equivalenti a 850.000 ha: sono aumentate del 30% dal 1950 ad oggi.
Proprio la gestione sostenibile delle foreste e la
rinnovabilità della risorsa legno sono oggetto di due delle tre pagine pubblicitarie titolate "La carta fa il tifo per
le foreste e la carta fa crescere gli alberi"
che saranno veicolate dalle principali testate quotidiane e
specializzate.
La terza pagina pubblicitaria "La carta torna carta 7 volte" è invece dedicata alla tema della
riciclabilità della carta. Con 2000 kg riciclati al secondo, la carta è infatti il materiale più riciclato in
Europa e in Italia più della metà della carta prodotta nasce dal riciclo. La fibra di cellulosa si può inoltre
riciclare sino a sette volte.
Queste ed altre caratteristiche verdi della comunicazione su carta sono riassunte nello
slogan della campagna: "Naturale, Rinnovabile, Riciclabile: è il lato verde della carta" e potranno essere
approfondite sul sito www.twosides.info dal quale sarà possibile accedere anche ai social network Facebook e Twitter.

Le testate che partecipano all'iniziativa:
 

    

campagna

Scarica il file:
Two_Sides.pdf

CONDIVIDI
Articolo precedenteGruppo 24 ORE all’EIRE
Articolo successivoGreen energy in città