Capriate

Autore testo: Simone Speciale

Le capriate sono strutture formate da un insieme di aste variamente connesse fra loro. Le capriate hanno per lo più la forma triangolare e con i lati inclinati, costituiscono l'elemento di appoggio alla copertura a tetto variamente articolata. Alcuni tipi di capriate con i carichi applicati sui nodi, rientrano nella tipologia delle strutture reticolari complanari. Nelle capriate le aste compresse sono chiamate puntoni, quelle tese tiranti. Le incavallature lignee con aste a struttura massiccia sono da secoli il sistema base delle coperture della maggior parte degli edifici costruiti fino alla fine del XVIII secolo. Le capriate in legno variano dallo schema più semplice, formato da tre aste, poste a triangolo, a quelle più complesse, come le palladiane semplici e doppie, e a tipi più complicati. Questa tipologia di coperture realizzate con la tecnologia del legno lamellare, può consentire una luce massima di circa 80 m.
Gli elementi principali (aste) che le costituiscono sono come abbiamo accennato puntoni, catene, monaci (o ometti) e saettoni.
 
Fonte testo:
Chiostri, Furiozzi, Pilati, Sestini, Tecnologia dell'architettura.

Palestra polifunzionale, Modena

Palestra polifunzionale, Modena

CONDIVIDI
Articolo precedenteTravi su due appoggi
Articolo successivoChiesa di Mogno