GranitiFiandre Meeting Room  

Località Castellarano, Reggio Emilia,
Italia
Committente
GranitiFiandre
Progettisti Archea Associati (Laura Andreini,
Marco Casamonti, Silvia Fabi, Gianna Parisse, Giovanni
Polazzi)
Direzione lavori Michelangelo
Perrella
Strutture Studio Tecnico Cuoghi -
Guerrino
Progetto 2004
Realizzazione
2005
Superficie 250 m2
Costo complessivo
Euro 400.000,00

Luogo di incontro tra cultura produttiva e progettuale, la nuova meeting room
GranitiFiandre, ricavata all'interno del Megastore di Castellarano, esprime
quello spirito di ricerca e innovazione che costituisce da anni la linea
programmatica dell'azienda. Il progetto e la realizzazione di questa piccola
sala congressi costituisce pertanto un'occasione di sperimentazione sull'impiego
della ceramica tecnica come rivestimento di superfici orizzontali e
verticali.
Il progetto può essere considerato come il completamento
dell'adiacente showroom, realizzato sempre dallo studio Archea Associati nel
2002.
La configurazione massiva dell'assieme ripropone Il tema dell'analogia
con la cava intesa come spazialità ricavata dall'utilizzo della materia. In
questa occasione si tratta di una sorta di scavo nella roccia mentre nella
precedente realizzazione, l'impianto scenografico era incentrato sul principio
di smaterializzazzione realizzato attraverso una sequenza di volumi vetrati che
galleggiano su un sottofondo di sabbie, quarzi e ghiaie. Vice versa, la nuova
meeting room si presenta come un ambiente più massivo e di maggiore intimità,
progettato intorno ad un unico materiale. Spazialmente e distributivamente la
sala è caratterizzata dalla presenza di un volume quadrangolare, tagliato nella
parte terminale da un setto diagonale, che nel definire l'ingresso configura la
pianta come un trapezio allungato delimitato da una sequenza di spazi destinati
alle zone di servizio: cabine di traduzione simultanea, guardaroba, uffici. Sul
lato opposto, nella parte frontale della sala, è collocato il palco per i
relatori posizionato sopra una pedana ancora rivestita in lastre di Pietra
Basaltina in ceramica tecnica. L'ambiente è infatti definito nella sua interezza
dalla declinazione di un unico materiale nelle sue diverse tecniche di
applicazione e finitura superficiale: la Pietra Basaltina della collezione New
Stone di GranitiFiandre. Tutte le pareti della sala risultano conseguentemente
rivestite con lastre sottili dal caratteristico colore grigio scuro in modo da
rendere l'atmosfera opportunamente soffusa e facilmente oscurabile. Sia per le
pareti che per il pavimento sono state scelte lastre tagliate in diversi formati
con finitura fiammata, mentre la zona centrale è identificata da una superficie
semi levigata che si protende sulla pedana dei relatori fino alla retrostante
parete di separazione con le zone retropalco. L'intarsio delle Lastre Luminose
della collezione Geologica nella parte centrale del pavimento, in corrispondenza
delle sedute, crea un sofisticato effetto di galleggiamento di ogni singolo
posto.
Per la realizzazione di questa sorta di "tappeto luminescente" è stato
impiegato il taglio ad idrogetto delle singole lastre, in modo da ridurre
qualsiasi eventuale imperfezione nell'accostamento dei diversi moduli di
rivestimento. La ritmicità degli elementi che disegnano le superfici a terra è
riproposta sul controsoffitto dove, come in un gioco di riflessioni, sono
scavati, in corrispondenza di ogni seduta, gli apparecchi di illuminazione in
gesso realizzati da Martini. Le superfici verticali impiegano in modo nuovo ed
inusuale per un interno un sistema di ancoraggio impiegato solitamente nella
realizzazione di pareti ventilate. L'intercapedine tra il muro perimetrale e le
lastre di Pietra Basaltina montate a secco, oltre ad offrire un maggiore
isolamento acustico e termico all'ambiente, permette di ricavare nella parte
alta una fascia luminosa incassata, eventualmente attrezzabile come zona di
esposizione e presentazione dei prodotti. Oltre ad aver appositamente creato un
prototipo di corpo illuminate alloggiato nel sistema di parete ventilata, è
stato realizzato un sistema computerizzato per la regolazione dell'intensità e
dei cromatismi luminosi che dona una scenografica dinamicità all'ambiente.
L'essenzialità dell'apparato formale e l'uso semplificato dei materiali
caratterizzano questo nuovo spazio d'incontro GranitiFiandre, testimoniando come
la diretta collaborazione con lo staff tecnico aziendale abbia permesso allo
studio Archea Associati di sfruttare al meglio le potenzialità espressive della
ceramiche tecniche, offrendo così un piccolo contributo per l'impiego di questi
materiali anche per interni.

Testo di Flores Zanchi
Estratto da Materia n°48

Informazioni
Rivestimento
GranitiFiandre
Elementi d'illuminazione
Martini
Allestimenti Arredo
Locali di
servizio Intertecnica
Sedute Poltrone
Frau

Cartongesso Gibel
Parete ventilata
Granitech
Strutture in ferro
SAV
Tinteggiature Styl 6
Impianto di
sicurezza Intecom
Cablaggio fonia
Seit
Impianto condizionamento
Sici
Sistemi tecnologici
Sangalli
Impianto elettrico Subeltec,
Ufficio tecnico GranitiFiandre

Vedi i dettagli
tecnologici e costruttivi

Pianta Prospetto interno

CONDIVIDI
Articolo precedenteCaffè San Colombano
Articolo successivoOspedale San Giovanni