Casa 24 PLUS – La guida, in edicola oggi 12 dicembre, è pensata per quanti vivono in condominio, ma anche per gli amministratori e i professionisti del settore, chiamati a individuare soluzioni pratiche dopo la riforma, che in questa pagina è sintetizzata nelle sue novità.

Poco meno di un milione. Tra grandi e piccoli, dalle palazzine ai complessi da 2mila abitanti, sono vicini alla cifra fatidica gli edifici in condominio. Ospitano circa 12 milioni di famiglie e hanno un ruolo importante oltre che sotto il profilo sociale – anche economico: il "volume d'affari" stimato dalle associazioni di categoria parla di 15 miliardi di euro, di cui un 10-20 per cento se ne va in spese legali per il contenzioso sempre vivacissimo. Tutto senza considerare che da questi calcoli sono escluse quasi tutte le palazzine bifamiliari e trifamiliari.
E gli amministratori? Anche qui i numeri fanno paura: sarebbero 300mila ma quasi tutti gestiscono da uno (quello in cui abitano) a 3-4 edifici, mentre circa la metà è amministratta dai 21-24mila amministratori che svolgono la professione a tempo pieno, molti dei quali fanno capo a qualche associazione di categoria.

Comunque siamo alla fine del primo semestre di prova pratica dei meccanismi disegnati dalla riforma del condominio, la legge 220/2012, entrata in vigore il 18 giugno scorso. Attesa da anni, è stata molto criticata. Ma il tentativo di fare ordine nella babele di sentenze stratificatesi attraverso tre generazioni di giudici e avvocati, quello c'è, almeno in alcuni punti: la formazione obbligatoria e i titoli di studio dell'amministratore che scatteranno per tutti quelli che iniziano ora la professione; e gli obblighi stringenti dell'amministratore che dovrà perseguire i condomini morosi con puntualità.
 
La guida in edicola giovedì 12 dicembre è pensata per quanti vivono in condominio, ma anche per gli amministratori e i professionisti del settore, chiamati a individuare soluzioni pratiche dopo la riforma, che in questa pagina è sintetizzata nelle sue novità. Dal tema del risparmio energetico all'assemblea, il piccolo parlamento in cui si discute – e a volte si litiga – per prendere tutte le decisioni chiave del condominio: dalla nomina dell'amministratore all'approvazione del rendiconto annuale che divide le spese tra i comproprietari.
Sempre nelle pagine della Guida si trovano sei focus dettagliati e concreti sugli aspetti pratici più importanti della vita condominiale.

CONDIVIDI
Articolo precedenteKlimahouse Umbria 2013
Articolo successivoSoS Imu