Irlanda

The Lives of Spaces (Le vite degli spazi)

"The Lives of Spaces" è la mostra irlandese all'interno dell'11° Mostra
Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia. È una iniziativa di
Culture Ireland in collaborazione con Arts Council, commissionata e curata da
Nathalie Weadick, Direttrice dell'Irish Architecture Foundation (IAF) e da Hugh
Campbell, Professore di architettura all'UCD (University College Dublin). "The
Lives of Spaces" occupa il primo piano del Palazzo Giustinian-Lolin, di fronte
all'Accademia. La dimensione, il carattere e la decorazione di queste stanze
tipicamente veneziane forniscono un scenario che amplifica il tema dei
curatori.

Usando principalmente immagini in movimento e filmati, le nove parti di "The
Lives of Spaces" esaminano il ruolo centrale dello spazio nella nostra società,
come esso concepisce e struttura i modelli e le abitudini della nostra vita
collettiva, dal privato al pubblico, dal domestico al civile. La mostra
comprende molte collaborazioni ed esperimenti nuovi che si aprono a nuovi modi
di immaginare, progettare e intendere lo spazio.

Il carattere e la vita dello spazio in uso nel Brookfield Youth Centre a
Tallaght, ultimato di recente, sono indagati da Grainne Hassett. Gerry Cahill
esamina l'uso variabile dello spazio sacro in Irlanda, concentrandosi sul Mercy
Covent in Cork Street. Concentrandosi sul loro progetto della Waterford Library,
gli Architetti McCullough-Mulvin indagano il mutamento dallo spazio nel progetto
allo spazio in uso. Usando sequenze in successione di vedute in prospettiva, gli
architetti O'Donnell e Tuomey mostrano il movimento della luce attraverso lo
spazio centrale di An Gaelaras, un centro culturale a Derry, attualmente in
costruzione. Dara McGrath, insieme a Robinson McIlwaine, presenta le sue crude
fotografie della decostruzione della prigione di Long Kesh, uno spazio di
stereotipata importanza politica.

Gli architetti De Paor presentano il loro progetto del Picture Palace di
Galway, concentrandosi sul viaggio spaziale dalla strada al cinema. Gli
architetti TAKA usano una serie di progetti interni per rivelare il carattere
rituale dello spazio domestico. Gli architetti Grafton considerano il rapporto
tra lo spazio interno e la città in due progetti recenti: l'Università Luigi
Bocconi di Milano e l'ampliamento dell'ufficio per l'OPW in Merrion Row a
Dublino. Infine Patrick Lynch e Simon Walker documentano la vita di An Bóthar
Buí, la casa di villeggiatura a West Cork di Robin e Dorothy Walker che,
nonostante la sua modesta dimensione e il suo carattere, ha avuto un ruolo
cruciale nella vita culturale della nazione per molti decenni.
Insieme, le
nove parti forniscono un ritratto spaziale dell'archittetura irlandese, e della
società irlandese.
 
www.thelivesofspaces.com

CONDIVIDI
Articolo precedenteHELVAR
Articolo successivoAustralia