La Forgiatura – Giuseppe Tortato

spazi polifunzionali – Il progetto di riqualificazione dell'area industriale dismessa della storica fabbrica La Forgiatura ha trasformato il sito in un polo multifunzionale per brand di eccellenza.

Il nuovo centro direzionale, frutto dell'originale riadattamento degli edifici esistenti e della progettazione di edifici totalmente nuovi, si inserisce nel contesto locale e concretizza un esempio di riutilizzo e rigenerazione di un ex area industriale.
Le grandi superfici di facciata sono elementi distintivi di tutto il complesso, offrendo agli utenti ampia luminosità e trasparenza.
Il ripristino di vecchi edifici destinati a nuove funzioni fa parte di quel sistema di mutamenti propri delle grandi metropoli contemporanee in avanzata fase di trasformazione, attraverso la riconversione di aree industriali dismesse. Il nuovo complesso, infatti, sorge in via Varesina nella zona nord ovest di Milano sull'ex area dello storico complesso La Forgiatura, una fucina industriale che per un centinaio d'anni plasmò componenti in acciaio costituenti parte integrante di sottomarini e di centrali elettriche. Con la crisi industriale degli anni settanta, la Forgiatura è stata progressivamente dismessa, fino alla chiusura e all'abbandono. L'intervento, progettato da Giuseppe Tortato, consiste nella realizzazione di un business park destinato al terziario: un grande progetto urbano per nuovi uffici armoniosamente inserito nel contesto locale che si pone come motore di sviluppo di una zona di Milano piuttosto appetibile, sull'asse ideale che collega il Cantiere di Porta Nuova al polo fieristico di Rho. Con tali premesse la realizzazione del complesso La Forgiatura è stata messa a punto con l'obiettivo di riqualificare integralmente l'area preesistente e di ricostruire l'isolato urbano portando la città "dentro la costruzione" e non viceversa. Il complesso è sostanzialmente composto da una collina artificiale abitabile, che consente di nascondere elementi tecnici e di moltiplicare la percezione dello spazio, e da quattro grandi volumi che riprendono lo schema di quelli preesistenti, orientati secondo i principali allineamenti del lotto, uniti da percorsi di collegamento che aprono passaggi diagonali e permettono di attraversare l'area verde. La dimensione, una sorta di ordine gigante fatto di cristalli, diviene un'icona contemporanea di riferimento all'interno di quel racconto urbano che si esprime per allineamenti e proporzioni che nascono da un'osservazione attenta dell'intorno.

Focus facciate
La trasparenza, pur nell'immagine di un'architettura connotata da un linguaggio che declina tutti gli aspetti delle nuove tecnologie, caratterizza tutti e quattro gli edifici e cerca un rapporto di simbiosi con il verde e con la luce che avvolge e compenetra le forme dell'edificio. La ricerca della dissoluzione della soglia o del limite che separano solitamente l'esterno dall'interno ha indotto il ricorso ai sistemi per facciata trasparenti Schüco.
L'edificio principale di 8 piani fuori terra più quello interrato è caratterizzato dalla facciata a telai Schüco USC 65 dove trovano collocazione ampie superfici vetrate protette dal frangisole fisso in alluminio dell'azienda tedesca. Per consentire un'aerazione di tipo naturale in facciata sono presenti le aperture a sporgere di tipo parallelo Schüco AWS 102 con movimentazione elettrica.
Gli altri edifici del complesso mostrano un ottimo esercizio di risanamento in cui le strutture esistenti in acciaio vengono mantenute per divenirne il tratto distintivo. Le facciate realizzate con il sistema a montanti e traversi Schüco FW 50+ integrano superfici apribili a scomparsa Schüco AWS 106 e le facciate di tipo semistrutturale Schüco SFC 85 sostituiscono parte delle preesistenti strutture edili. La Forgiatura risulta essere un'ampia vetrina dei prodotti Schüco i cui sistemi costruttivi hanno permesso di realizzare grandi superfici vetrate quali coperture, facciate, facciate strutturali, finestre apribili in facciata, porte d'ingresso antisfondamento e lamelle frangisole. Oltre ai prodotti di sistema, mirando a ottenere vetrate di particolari dimensioni, è stato studiato e realizzato uno speciale sistema di facciata con anima in acciaio rivestito con appositi profili estrusi. Queste soluzioni contribuiscono in modo determinante alla leggerezza delle forme e alla dinamicità delle strutture arrivando a rendere gli ambienti particolarmente luminosi. La realizzazione e il montaggio dei sistemi Schüco sono stati eseguiti scrupolosamente dalla ditta Amitti di Milano.

Guarda il video del cantiere!







Scheda progetto

Scarica il file:
La_Forgiatura_Scheda_Progetto.pdf

Scheda studio

Scarica il file:
Milano_Layout.pdf

Scheda azienda

Scarica il file:
RealStep_scheda_azienda.pdf

Pubblica i tuoi commenti