evento – Lombardini22 presenta il progetto 2012 "Mare Bianco: il Mediterraneo visto da Sud" con un'installazione di Garbellotto e Wiltsch Barberio.

Si aprirà giovedì 19 aprile 2012, con una grande festa inaugurale, il progetto Mare Bianco: il Mediterraneo visto da Sud, ideato dalla società di progettazione architettonica Lombardini22 in occasione della 51a edizione del Salone Internazionale del Mobile. L'evento ospita un'installazione site specific dell'artista Fernando Garbellotto Marebianco: reti frattali, altoparlanti ultrasonici composta da reti sospese nella navata centrale del luminoso open space Lombardini22, per un'estensione di circa 200 mq.

Mare Bianco: il Mediterraneo visto da Sud è a cura di Lombardini22 - società di architettura e ingegneria con un organico di novanta persone, rivolta ai mercati del terziario, del retail e dell'ospitalità - già promotrice di altri appuntamenti legati al mondo della cultura e dell'arte contemporanee, come i progetti espositivi Retired Weapons (2007); Fantasmi Urbani (2010) e 150italiae (2011).

L'installazione nasce da una riflessione di Lombardini22 intorno all'opportunità che da sempre il Mediterraneo - "Mare Bianco" per i Turchi - rappresenta per i Paesi che vi si affacciano. Il Mare Nostrum stretto fra le terre, oggi lega e divide popoli e genti. È luogo di speranza e disperazione, luogo di civiltà e di inciviltà, di storia e di futuro. Di sicuro un luogo centrale per lo sviluppo dell'Italia e dell'Europa che si confrontano con le aspettative di libertà ed emancipazione politica ed economica di milioni di persone.

Dalla consapevolezza di essere nodi appartenenti alla stessa rete - il Mar Mediterraneo - è nata l'idea di Lombardini22 di coinvolgere nel progetto Mare Bianco un artista che ha fatto del concetto di "rete" il fulcro della propria poetica: Fernando Garbellotto. Con l'installazione Marebianco: reti frattali, altoparlanti ultrasonici Garbellotto - insieme al musicista e sound designer Emanuele Wiltsch Barberio - rievoca il viaggio intrapreso da Ulisse verso l'ignoto in cui, per dirla col Pascoli, "il mare sconfinato è metafora del sapere senza limiti, che l'uomo irresistibilmente vuole e deve percorrere per realizzare la sua più vera, autentica e profonda natura".

Nell'evento inaugurale del 19 aprile gli ospiti potranno così immergersi in un'atmosfera unica e poetica fatta di reti sospese fluttuanti che sovrastano come una nuvola l'osservatore e che, filtrate dalla luce, danno al tutto un aspetto subacqueo ma sospeso, continuamente mutevole e ondulatorio. La presenza di altoparlanti ultrasonici crea un suono che è respiro e nell'avvicinamento si increspa in lontani echi di un rarefatto canto

Dopo l'opening del 19 aprile il progetto Mare Bianco procederà per tutto il 2012 con un ciclo di conversazioni, sempre presso Lombardini22, dedicate al tema del Mediterraneo (calendario in via di definizione) e con il tradizionale evento di fine anno. "Per il mondo immobiliare italiano il Mediterraneo rappresenta una grande opportunità - sottolinea Franco Guidi, AD Lombardini22 -. Le conversazioni di quest'anno sono il contributo di Lombardini22 ad affrontare queste opportunità dando voce ai nostri futuri clienti, agli operatori dei paesi che guardano all'Italia come a una grande nazione, ricca di esperienze e competenze, in grado di aiutarli nel processo di crescita. Il nostro auspicio è la creazione di una nuova e ricca rete di relazioni e scambi, un riconoscimento del Mediterraneo, che mette insieme l'energia e la volontà di miglioramento delle persone e le ricchezze, le conoscenze e le esperienze di convivenza pacifica e di cooperazione economica che sono parte integrante del nostro patrimonio culturale".

Appuntamento
Mare Bianco: il Mediterraneo visto da Sud
dal 19 aprile al 31 dicembre 2012
Milano, Via Lombardini 22
Per aulteriori informazioni clicca qui!

appuntamento

Scarica il file:
Mare_Bianco.pdf

CONDIVIDI
Articolo precedenteCreative Space Serbia
Articolo successivoD³ = Donne Design Digital