Sottopasso pedonale-ciclabile di collegamento  
Progettista: ACT ROMEGIALLI - studio di architettura
Collaboratori: arch. Angela Maria Romegialli
Committente: Comune di Morbegno
Progetto: 1996 - 1997
Esecuzione: 1996 - 2000
Importo lavori: 1.200.000.000
Immagini fotografiche: ACT Romegialli
 
L'esecuzione del sottopasso è legato in modo imprescindibile alla riqualificazione a parco pubblico delle aree attualmente adibite a parcheggio in fregio alle scuole "T.Ambrosetti" e adiacenti a Piazza Bossi, che divengono testate di partenza del percorso sotto il livello della S.S.38 e si strutturano a giardino pubblico con graduali e controllate variazioni di quota del terreno.
Il sottopasso, di lunghezza di c.a. 48mt. presenta una sezione variabile tra i 3 e 7mt., un altezza di 2.70 -2.85mt e si pone in leggera pendenza 2.5% ad assecondare il naturale dislivello della via Ambrosetti.
La sezione variabile, le pareti che variano di inclinazione man mano che si procede verso la metà del percorso per poi tornare gradatamente verticali e la colorazione - illuminazione concorrono alla qualifica del percorso a livello percettivo.
La conformazione curvilinea delle pareti, che asseconda i flussi di percorrenza, è realizzata attraverso l'impiego come rivestimento di una lastra grezza in conglomerato cementizio di 49x19x4.5 cm.
Scelta per le sue caratteristiche di semplicità ed economicità viene qui posta in opera in modo particolare, per conferire espressività alle pareti che accompagnano il percorso.
Vengono posati in verticale cinque corsi di lastre, che passano da una posizione di posa in opera tradizionale ( stato di quiete) , ad una loro posa in sovrapposizione, fino alla metà della loro effettiva larghezza ( stato di movimento), fino a ritornare progressivamente verso l'uscita del passaggio alla loro configurazione tradizionale di semplici lastre di rivestimento.
Si è così ottenuta una superficie in continuo cambiamento, con corrugazione progressiva, che pare assecondare il dinamico passaggio delle persone.
Tale corrugazione delle superfici rende le pareti poco adatte ad accogliere graffiti e soprattutto funge da parete fonoassorbente, togliendo fastidiosi echi e rimbombi allo spazio di percorrenza.
Il soffitto è previsto realizzato con la semplice verniciatura in colore nero dei "predalles" strutturali di copertura.

Progetto Progetto Progetto Progetto Scorcio
Scorcio Scorcio

CONDIVIDI
Articolo precedenteTomba Brion
Articolo successivoFern- und S-Bahnhof Berlin-Spandau