Annalisa Calcagno Maniglio
La formazione dell'architetto del paesaggio

Il Paesaggio, governato nella sua continua evoluzione da leggi naturali e azioni antropiche, può essere studiato anche settorialmente secondo i metodi delle diverse discipline che di esso si occupano e che concorrono ad approfondire significati e meccanismi della complessa totalità paesistica, ma alla condizione che sia sempre perseguita - nell'attività pianificatoria e progettuale - la visione di sintesi dei processi evolutivi, delle alterazioni spontanee o indotte dall'uomo sugli equilibri fisici e biologici. A una siffatta comprensione del mondo, concorre in modo diretto e significativo l'ecologia, scienza della natura eminentemente transdisciplinare, che si occupa dei processi che regolano la vita del pianeta, offrendo allo studioso un livello conoscitivo integrato rispetto alle singole discipline che s'interessano dei differenti fenomeni ambientali e storico-culturali.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSalerno
Articolo successivoIl paesaggio e la grande rete