iGuzzini

iGuzzini ha ricevuto l’incarico di progettare un sistema di illuminazione che enfatizzasse la forma originale e la struttura della sede del Consiglio Europeo (trovi l’articolo completo sul progetto sul nuovo numero di Arketipo 109 “Trasparenze). L’edificio che unisce passato e futuro è stato ristrutturato utilizzando vetro riciclato e infissi presi da vecchi edifici di vari Paesi europei. La difficoltà principale da superare durante l’intera esecuzione del progetto è stata relativa all’altezza dell’edificio e al fatto che questo fosse quasi completamente fatto di vetro. A iGuzzini era richiesto di rendere il più possibile invisibili le fonti della luce per dare la massima enfasi solo alla luce stessa.

iGuzzini per la nuova sede del Consiglio Europeo
iGuzzini per la nuova sede del Consiglio Europeo

Per creare questo effetto, iGuzzini e l’architetto Philippe Samyn hanno progettato un sistema che prevedeva la proiezione della luce su una lanterna di vetro che sarebbe stata posta al centro del nuovo spazio. L’edificio originale ha una forma di L e risale agli anni 60 del novecento: una nuova facciata lo avvolge per intero ed è fatta di vetro riciclato, alluminio e serramenti di quercia. iGuzzini ha sviluppato per l’edificio dei dispositivi illuminotecnici speciali, posizionati in successione lungo la struttura verticale in alluminio. Questi dispositivi sono stati volutamente installati lungo la costa verticale che sostiene la facciata e sono definiti dalla proiezione della lanterna. L’architetto, inoltre, ha specificatamente richiesto un “effetto eclisse” a contrasto, per enfatizzare la natura tridimensionale della lanterna.

iGuzzini per la nuova sede del Consiglio Europeo
iGuzzini per la nuova sede del Consiglio Europeo

Le luci puntano pertanto con precisione sui punti dove l’edificio incontra la lanterna, in modo che la luce sembri filtrare fuori da uno spazio vuoto, in realtà inesistente, tra le due strutture. La lanterna è ricoperta di vetro serigrafato, che impedisce di abbagliare le persone che lavorano nell’edificio. Per illuminare gli uffici e le sale conferenza è stato creato un effetto luminoso indiretto, usando un sistema di diffusione luminosa integrato da diversi punti-luce. Sono stati scelti per illuminare gli uffici e le sale conferenza dei faretti incassati, insieme ad altri fari anti riflesso e regolabili e alcuni wall washer. Sono state anche abbinate varie procedure di accensione dell’illuminazione in modo da poter gestire l’intensità dell’illuminazione, cosa che è essenziale quando si registra.