Tutti gli studi stimano che nel 2050 la popolazione urbana rappresenterà i due terzi della popolazione mondiale, mentre nel 1910 rappresentava solo il 10% di essa. Sappiamo che nel 2050 un miliardo cinquecento milioni di persone vivranno in città di oltre un milione di persone, 430 milioni di persone vivranno in megalopoli di oltre dieci milioni (fonte ONU). E’ quindi chiaro che il futuro dell'umanità è determinato dalla capacità delle città di adattarsi a questa trasformazione fondamentale e irreversibile dell’organizzazione territoriale della vita sul nostro pianeta. Il governo del territorio diventerà un tema centrale e ineludibile per lo sviluppo economico dei Paesi. La pianificazione e la legislazione dovranno accogliere e considerare tutte le dinamiche che stanno alla base dell'evoluzione di un tessuto urbano attraverso nuove metodologie e non mediante modelli superati e troppo rigidi per rappresentare la complessità dei fenomeni urbani.
I relatori si confronteranno in due tavole rotonde.

Prima sessione
LA NUOVA FASE DELLO SVILUPPO DELLE CITTA’. IL QUADRO INTERNAZIONALE
Consiglio Urbanisti Europei - Segretaria generale - Dominique Lancrenon
Commissione europea - DG MOVE -Trasporti e Mobilità - Mans Lindberg
Comitato Economico e Sociale Europeo TEN - Trasporti, Energia, Infrastrutture e
Società di Informatica - Etele Barath
FIABCI - Presidente International Organizations Committee - Enrico Campagnoli
Modera: Nicola Leonardi, direttore della rivista The Plan

Seconda sessione
UN APPROCCIO INTERDISCIPLINARE
Esperienze multidisciplinari internazionali - Systematica- Diego Deponte 
Le imprese - Assimpredil ANCE - Vice Presidente Marco Dettori
Gli imprenditori - ASPESI Milano - Vice Presidente Marco Tirelli
I progettisti - Ordine Architetti Milano - Presidente,Valeria Bottelli
Sociologia Urbana - Matteo Colleoni - Docente Univ. Milano Bicocca
La pubblica amministrazione - Comune Torino - Sindaco Piero Fassino *
Modera: Paola Pierotti, giornalista PPAN

Concluderanno l’incontro Charaf-Eddine Berrada, Segretario generale Cobaty International e Aldo Bottini, Presidente Cobaty International.

La partecipazione è libera e gratuita. E’ necessaria la registrazione mediante l’invio di una mail all’indirizzo convegni@cobatyitalia.it o chiamando il numero 02 76008365.

 

* in attesa di conferma

Allegati

INVITO