residenze unifamiliari – Franciacorta, Brescia. Nella terra degli spumanti si trova un intervento atipico, una villa concepita come un segno nel territorio.

Sarà il largo impiego di legno Iroko; sarà la vista della piscina su uno sfondo turchese; sarà la presenza di un'immensa terrazza al primo piano, ma il progetto di un'abitazione privata dell'architetto Giancarlo Volpini, emana un certo sentimento che rimanda ad un gusto marittimo, forse non europeo. Il ricordo di ville di lusso sulle coste statunitensi, che popolano una moltitudine di film. Tralasciando per un momento però questi elementi esterni e analizzando a fondo la composizione architettonica dell'edificio, si viene a contatto con la sua vera vocazione progettuale, un analisi ben riuscita delle esigenze di chi andrà a viverci. Compositivamente si possono individuare due nuclei ben distinti: una zona giorno, "aperta", completamente libera da vincoli interni e sviluppata su un unico piano; una zona più "chiusa" che si sviluppa su due piani e che contiene la zona più intima della casa. "Il grande soggiorno, è in gran parte aperto sul giardino, ma al tempo stesso fortemente protetto dal grnade aggetto della terrazza. Il volume geometrico a tre piani del corpo notte/servizi è al contrario molto chiuso dal punto di vista compositivo, ma esalta le relazioni visuali con il paesaggio con la foratura delle aperture".

Un volume orizzontale a contrasto diretto con un volume verticale, una contrapposizione che vuol divenire un chiaro segno dell'intenzione di non mimetizzare l'architettura; un volersi identificare in tutto e per tutto. I materiali utilizzati amplificano a loro volta il suo essere un segno forte: l'utilizzo del legno Iroko, seppur sia un legno molto economico, mostra la consapevolezza del progettista di voler sfruttare la caratteristica colorazione non uniforme del materiale per darne una precisa identità. Sono stati poi utilizzati altri materiali più "classici" come il cemento armato per la struttura e un'intonaco in calce espansa per la zona giorno, che alimentano l'ormai consolidata  ottica di contrasto.


biografia_Volpini

Scarica il file:
Biografia_Volpini.pdf

scheda progetto_franciacorta

Luogo: Provincia di Brescia

Committente: Privato

Progettista: Architetto Giancarlo Volpini

Progetto strutture: Ing. Alberto Micheli

Impresa di costruzione: Edil Sadol s.r.l., Brescia

Tempi progetto: 2005

Tempi di realizzazione: 2005-2006

Superficie costruita mq: 550

Volume costruito mc: 1350

scheda architetto Giancarlo Volpini

Nome: Architetto Giancarlo Volpini

Regione: Lombardia

Stato: Italia

Indirizzo: via Battisti 30

Città: Chiuduno

Telefono: 035 0791037

Fax: 035 0791037

E-mail: g.volpini@archiworld.it

CONDIVIDI
Articolo precedenteRecupero in alta quota
Articolo successivo“El muin de Iose”